Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Napoli, Hamsik: "Contro la Fiornetina tanta grinta"


Napoli, Hamsik: 'Contro la Fiornetina tanta grinta'
21/10/2009, 16:10

Il Napoli affronta una nuova avventura. La squadra ha cambiato tre tecnici in pochi mesi e ora è pronto a dare la svolta definitiva al campionato con Walter Mazzarri. Domenica ci sarà una sfida importante a Firenze contro i viola, che ieri hanno dimostrato tutto il loro valore in Champions League. oggi, Marek hamsik, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Radio Marte e questo quanto pubblicato sul sito ufficiale della scoietà.

"Sì, la vittoria di domenica è stata sofferta ed importantissima. Dovevamo dare una scossa al nostro campionato e ci siamo riusciti. Adesso però è presto per parlare del futuro perchè ci aspetta una partita durissima. Non dobbiamo andare troppo oltre con la testa ma giocare partita dopo partita"

A Firenze incontrerete una delle squadre più in forma del momento...

"Sì, la Fiorentina gioca al calcio benissimo. Noi dovremo mettere in campo la grinta che ci ha caratterizzato nella partita col Bologna. Speriamo di invertire la rotta in trasferta e diventare presto forti come lo siamo stati in casa in questi anni. La personalità ce l'abbiamo e dobbiamo farla vedere anche quando non giochiamo al San Paolo"

Sei il centrocampista goleador, vuoi battere il tuo record di reti quest'anno?

"No, io vorrei solo che il Napoli vincesse. La mia posizione in campo è comunque lontano dalla porta. Io sono quello che dal centrocampo si butta più verso l'area in fase di possesso e cerco di sfruttare lo spazio. Ma il mio compito è quello di giocare per l'equilibrio della squadra. Poi se il gol viene, meglio ancora..."

Possiamo chiamarti Mondial Marek. Hai conquistato una storica qualificazioni a Sudafrica 2010 con la Slovacchia...

"Sì, l'abbiamo guadagnata in Polonia all'ultimo turno facendo una fatica terribile. Abbiamo giocato sotto la neve a meno 5 gradi. Ma alla fine abbiamo vinto ed è stata una grandissima soddisfazione".

 

Commenta Stampa
di Francesca Fortunato
Riproduzione riservata ©