Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Lavezzi, Quagliarella e Dossena per un Napoli da Europa

Napoli, i dubbi di Mazzarri


Napoli, i dubbi di Mazzarri
26/02/2010, 10:02

NAPOLI - Walter Mazzarri vuole tornare a vedere il Napoli vincente. Nel corso della settimana ha difeso la prestazione dei suoi ragazzi a Siena, ma anche lui sa che ci vuole qualcosa in più per l’Europa. Per fare questo, però, avrà bisogno dei suoi uomini migliori e ci sono un paio di dubbi da sciogliere. Il primo è l’oramai famoso enigma Lavezzi. Il Pocho sta bene, anche se pare accusi ancora un pò di dolore alla gamba, vuole esserci contro la Roma per tornare protagonista e consegnare agli azzurri quel pò di brio e imprevedibilità che sono mancati in queste settimane.
Ieri si è aggiunta anche la paura per Quagliarella, quella botta alla caviglia proprio non ci voleva, ma contro i giallorossi non vuole mancare per nessun motivo.
Ha bisogno di rispondere alle critiche piovetegli addosso in questi giorni, ha bisogno di segnare.
Nella formazione più ottimista possibile ci sono sia Ezequiel che Fabio a comporre il trio d’attacco insieme ad Hamsik, ma naturalmente c’è da considerare l’ipotesi che qualcosa cambi all’ultimo minuto e che ci sia Denis in avanti o che si debba chiamare addirittura Hoffer.
Per il resto tante conferme e un dubbio: quello della difesa, che poi è legato alla questione Dossena. Se l’esterno sinistro ce la farà allora Aronica scalerà in difesa al posto dello squalificato e infortunato Grava, altrimenti ipotesi Rinaudo e l’ex Reggina sarà a centrocampo come esterno sinistro.
In porta De Sanctis, gli altri protagonisti saranno Campagnaro e Cannavaro a comporre la retroguardia, Maggio a destra nel centrocampo con il rientrante Gargano al fianco di Pazienza.
La sfida con la Roma, quindi, sembra essere l’occasione giusta per tornare a sognare, rivedere il Napoli di qualche settimana fa che oltre a giocare bene (vedi la partita con l’Inter) segna e si aggiudica i tre punti.


Commenta Stampa
di Francesca Fortunato
Riproduzione riservata ©