Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LE TRATTATIVE

Napoli, il primo punto sul calciomercato


Napoli, il primo punto sul calciomercato
12/05/2010, 10:05

Il piano è chiaro e definito. Le linee guida del programma di rafforzamento stilato da De Laurentiis si muovono verso tre direzioni precise.  Un difensore, un centrocampista ed un grande attaccante. Le tre misssioni, seppure nelle fasi embrionali, sono partite. Tra molti sondaggi, alcune richieste timide e trattative più o meno concluse, il presidente De Laurentiis, supportato dal lavoro del ds Bigon e dalle idee del tecnico Mazzarri ha avviato la campagna di rafforzamento del nuovo Napoli versione 2010-11.
Questi i tre piani nei quali il Napoli cerca i rinforzi per la prossima stagione.

DIFESA – Si cerca un difensore, possibilmente dalla carta d’identità recente. Due gli obiettivi più gettonati: Victor Ruiz dell’Espanyol e Salvatore Bocchetti del Genoa. Per entrambi i calciatori il Napoli ha già incontrato agenti o dirigenti delle società detentrici dei cartellini. Victor Ruiz è la prima scelta, il patron azzurro ha dichiarato pubblicamente il proprio indice di gradimento, il ds Bigon ha seguito il marcatore spagnolo direttamente a Barcellona avviando i primi contatti con l’agente e la società biancoblù. Con sole 21 primavere, il difensore dell’Espanyol si è distinto per le qualità mostrate in marcatura e l’eleganza nei disimpegni palla al piede. La prima offerta del Napoli ammonta a quattro milioni di euro.  L’alternativa è il napoletano del Genoa Salvatore Bocchetti. Classe 86, napoletano, Bocchetti è uno dei migliori difensori italiani. Figura nella lista dei trenta pre convocati da Lippi per i mondiali in Sud Africa. Il Napoli ha mosso i primi passi effettuando dei sondaggi al Genoa ed all’agente del calciatore.
 
CENTROCAMPO – Abbandonato, almeno ufficialmente, Gokhan Inler. De Laurentiis e Bigon hanno focalizzato tutte le forze su Tiberio Guarente. Il venticinquenne centrocampista dell’Atalanta è il giocatore più vicino a vestire la nuova maglia azzurra, la trattativa con l’Atalanta è quasi conclusa. Guarente sarebbe il rinforzo a centrocampo capace di fondere qualità e quantità, come gradisce Walter Mazzarri. La timidissima alternativa pare essere Gaetano d’Agostino dell’Udinese ma è difficile immaginare che il Napoli possa girare Guarente al club di Pozzo in cambio del regista romano.
 
ATTACCO – Il valzer degli attaccanti è la sinfonia regina del calciomercato. L’esigenza dell’acquisto di una punta prolifica e le dichiarazioni incandescenti di De Laurentiis stuzzicano la fantasia dei tifosi ed infiammano i primi giorni di calciomercato. Il sogno di tifosi e presidente porta il nome e cognome di Giampaolo Pazzini. Per l’attaccante blucerchiato De Laurentiis ha avviato una trattativa reale e mediatica dal grande impatto. Alla società di Garrone il Napoli avrebbe offerto 14 milioni di euro più Denis e l’altra metà del cartellino di Daniele Mannini. La Sampdoria sembra valutare l’offerta, molto dipenderà dalla conquista della qualificazione in Champions da afferrare domenica proprio contro il Napoli. Tantissimo dipenderà dalla volontà di Pazzini di vestire la maglia azzurra del Napoli. De Laurentiis garantirebbe un ingaggio raddoppiato rispetto a quello percepito alla Samp ma l’ostacolo più grande è il probabile corteggiamento della nuova Juventus diretta da Marotta per Pazzini. Se , come è molto probabile, la Juventus individuerà in Pazzini l’attaccante della rinascita, sarà difficile cucirgli addosso la maglia del Napoli. Le alternative “italiane” sono Maxi Lopez, Matri, Floccari e Rolando Bianchi. Per l’attaccante argentino del Catania il Napoli ha avanzato una prima offerta, respinta, che oscillava tra i 14 e i 16 milioni di euro. Più timidi i corteggiamenti di De Laurentiis per Matri del Cagliari e Bianchi del Torino. Per Floccari sarà decisiva la volontà di riscatto di Lotito. Il calciatore è di proprietà del Genoa ma non gradisce un ritorno in maglia rossoblù, se la Lazio non lo dovesse riscattare, Floccari ha dichiarato di gradire molto il Napoli. Le piste alternative sono rappresentate dalle imprevedibili corsie che portano ad attaccanti di campionati esteri.

Commenta Stampa
di Massimo La Porta
Riproduzione riservata ©