Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

RASSEGNA STAMPA

"Napoli, Mazzarri e quelle immagini benedette"...


'Napoli, Mazzarri e quelle immagini benedette'...
13/02/2012, 10:02

L’occhio inesorabile delle tv è riuscito a scovare quel vuoto sulle scalette che portano al San Paolo: la scomparsa delle immagini benedette di Padre Pio, la Madonna dell’Arco, San Gennaro e il Beato Errico è stata improvvisa. Erano lì da tempo immemore. Il rito privato del bacio dei giocatori azzurri da qualche partita non è più celebrato. E se ne sono accorti tutti. Da qui la richiesta dei tifosi: rimetteteli al loro posto. E da qui la risposta di Mazzarri: «Li abbiamo solo spostati nello spogliatoio perché anche gli avversari baciavano i santini e ne traevano beneficio. Ma se ci tenete tanto li rimetteremo lì già stasera».

Sacro o profano, qui non si gioca mai in campo neutro. Certo, il rischio dell’amuleto è forte. L’ha corso persino Trapattoni, stringendo l’ampolla con l’acqua benedetta ai mondiali asiatici. Ora il Napoli dà la sua versione teologica al gol parato o al palo colpito. A illuminare i fedeli con una lettura arciprofana dell’evento ci ha pensato il tecnico del Napoli. Ipotizzando una sorta di intercessione divina che provvede, di volta in volta, a spostare la traiettoria di un tiro in porta. E per non dare vantaggi agli altri, meglio tenerli tutto per sé.

Insomma, qui si tirano in ballo deviazioni celesti che una volta favorivano il Napoli e che invece adesso aiutano tutti gli altri. Il mondo dello sport è pieno di riti religiosi che ancora non sono inseriti nelle sostanze proibite come doping spirituale. La fede forse c’entra qualcosa con i trionfi di Cavani, da anni ”atleta di Cristo”. O forse no. Ma attenzione, se vi dicono che nel Mondiali di Messico, nel 1986, con la mano ha segnato Dio e non Maradona, non credeteci.

Alla fine a stemperare tutto ci ha pensato don Enzo Papa parroco della Cattedrale di Napoli: «Sono sicuro che sia stata solo una battuta dell’allenatore Mazzarri. Me lo auguro per la sua intelligenza». Amen.
FONTE: IL MATTINO

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©