Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

GLI ERRORI

Napoli merita rispetto!


Napoli merita rispetto!
04/03/2011, 10:03

Due occhi e mille pensieri. Se il napoletano medio guardasse alla classifica, tirerebbe un bel sospiro di lauta soddisfazione. Terzo posto, piena zona Champions, ed ancora il sogno proibito dello Scudetto. Se, viceversa, si guarda ad ogni singola partita del calendario, una patina amara si materializza tra le gengive. Quanti errori, quante disattenzioni da parte della classe arbitrale.
La bocca dello sportivo medio sancisce che esistono pro e contro di una stagione. Ed è effettivamente così. Ma, resta inutile nascondersi dietro un dito. A Napoli i pro sono di gran lunga inferiori ai contro. Ed il discorso si capovolge se si guarda verso Milano. A dirlo non è una voce, ma il video dell'annata 2010/2011.
Due occhi, dunque. Per guardare e segnalare gli errori commessi dalla classe arbitrale. Uno in favore del Napoli, alla prima giornata di campionato contro la Fiorentina (forse due, se consideriamo il gol di Toni in Napoli-Juventus, ma quello è un caso opinabile). Ben tre di rilevante importanza contro la squadra azzurra. Il primo a novembre. Udinese-Napoli 3-1. I friulani aprono le marcature con un rigore dubbio assegnato per fallo di De Sanctis su Sanchez. Il secondo, Lazio-Napoli 2-0. Il primo gol biancoceleste di Zarate nasce da un netto fallo di mano del giocatore argentino. Terzo caso, Milan-Napoli 3-0. Inutile ripercorrere le fasi del rigore assegnato da Rocchi.
Tre casi, mille ricordi alla mente. Le tre squadre favorite sono le stesse che da qualche anno il Napoli fatica a battere a causa di puntuali errori arbitrali. Con il Milan, all'andata, le vibranti proteste per i ripetuti falli di Sokratis su Lavezzi (uno da netta espulsione per ultimo uomo). Lo scorso anno con l'Udinese le scenate furono molteplici. Un netto rigore su Maggio portò alla decisione del'arbitro di ammonire per la seconda volta l'esterno azzurro, causa simulazione, e costringere il Napoli in dieci (negli spogliatoi per proteste venne espulso anche Bigon).
Casi eclatanti, ma non i soli di un'intera stagione. Inutile poi discutere sui favoritismi alle milanesi, che tra tocchi di mano, gol in fuorigioco e rigori dubbi hanno messo in cascina un pò di punti in più al normale.
Sudditanza? Se di sudditanza si vuole parlare, è solo il caso in cui una big gioca contro una provinciale. Ma Napoli è e sarà sempre una big. Meglio parlare di mancanza di rispetto allora...

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©

Correlati

15/03/2008, 15:03

ALCUNI NUMERI DELLA SANITA'