Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

PANCHINA

Napoli nel letto a tre piazze


Napoli nel letto a tre piazze
23/05/2011, 10:05

I rapporti d'amore possono avere anche un finale imprevisto. E quando si è troppo vicini, basta un'incomprensione a far saltare l'idillio. Il comportamento e la fiducia sono alla base di tutto. Dopo circa due anni di convivenza, e consumato piacere tra le parti, De Laurentiis e Mazzarri sono ora più che mai distanti. Lo si è capito alla fine della gara contro la Juventus ( e non dite che non ve lo avevamo detto qualche settimana fa che il presidente avrebbe rimandato tutto al post partita dell'Olimpico di Torino). Da una parte c'era chi sa di aver sbagliato. Colui che ha provato a fare il passo forse più lungo della gamba, e nel modo meno opportuno. Era lì a parlare alle telecamere, come troppo spesso ha fatto negli ultimi mesi.
Dall'altra parte c'era chi si è sentito offeso per il comportamento del partner. Lui, il padrone, che per orgoglio e onore proprio non permette a nessuno di farsi dettare le regole, si è allontanato in fretta e furia uscendo in piena notte con l'altro. Perchè ora c'è un altro! E, come Zero, Mazzarri il triangolo proprio non lo aveva considerato...

IL QUADRO: Nel lettone di famiglia dormono ai capi, l'uno alla schiena dell'altro. Nel mezzo ci si è infilato quel Giampiero Gasperini che tanto piace al presidente (e anche ai tifosi per il gioco votato allo spettacolo). Ed il letto si è fatto a tre piazze. Mazzarri aspetta, De Laurentiis lo fa cuocere a fuoco lento. Passerà ancora un pò prima che si sappia l'effettivo risvolto della situazione. Il tecnico ha appurato che intorno a se, si è ormai creata terra bruciata sulle panchine di Serie A. Lasciare Napoli significherebbe fare un passo indietro nella propria carriera, proprio nel momento di picco più alto (ieri ha pavoneggiato la sua grande stagione alla stampa). Resta però il vincolo del contratto. Ma con i soldi il presidente non fa a botte. Se l'amore finisce, Aurelio è disposto a pagare gli alimenti per un anno...

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©