Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

SCRIVE RINO CESARANO

"Napoli, non caricare Insigne di responsabilità"


'Napoli, non caricare Insigne di responsabilità'
15/06/2012, 11:06

Restano solo da superare piccole diffidenze e residui di nostalgia per la partenza di Lavezzi. Per il resto, Lorenzo Insigne, 21 anni, possiede mezzi tecnici, fantasia e fiuto del gol per ben figurare nel parco attaccanti del Napoli. Può lottare alla pari degli altri. Giocare accanto a Cavani, alternarsi con Pandev o insieme a loro due. Del resto, lo ha dimostrato per tre campionati di fila ed in situazioni più disparate: nella Primavera del Napoli, in Prima Divisione con il Foggia ed in B con il Pescara. Senza tralasciare quanto mostrato dal nino di Frattamaggiore nell'Under 20 di Di Biagio e nell'Under 21 di Ferrara, peraltro in ambito internazionale. Fosse nato in Sud America, o fuori dall’Italia, Insigne sarebbe stato già un calciatore da esportare o da lanciare. Invece, oggi, c'è ancora chi si chiede se non fosse stato il caso di farlo giocare per un altro campionato lontano da Napoli.
Questione di cultura sportiva. Di mentalità. Se un giovane è bravo, deve avere l'opportunità di dimostrarlo anche sotto casa. Ha fatto bene il Napoli a richiamare alla base un giovane che sa far gol da tutte le posizioni, che vede la porta come pochi, che non si preoccupa di sbagliare, ci prova sempre. Insigne può integrarsi alla perfezione con Cavani, capace com'è di svariare sul fronte d'attacco, partecipare alle controfughe, farsi trovare al posto giusto. Non difetta di altruismo. Sa essere abile anche sui calci piazzati, carenza endemica nell'organico del Napoli. Occorre solo creargli le condizioni ideali per esprimersi. Sostenerlo nella fase iniziale. Non caricarlo di responsabilità. Al resto, ci pensa lui con la sua sfrontatezza ed arguzia. A buon intenditore, poche parole.
FONTE: RINO CESARANO PER IL “CORRIERE DELLO SPORT”
PdM

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©