Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

PARLA COLOMBA

"Napoli? Peccato non giocare ora: siamo carichi"


'Napoli? Peccato non giocare ora: siamo carichi'
05/10/2011, 19:10

Alla ripresa degli allenamenti il clima è disteso. La vittoria con il Genoa ha ridato ossigeno alla classifica al Parma che ora sfrutterà la sosta per prepararsi al match in programma al San Paolo con il Napoli sabato 15 ottobre alle 20.45. “Ho trovato bene il gruppo – dice mister Colomba dopo i due giorni di riposo concessi - A dir il vero anche dopo la sconfitta con la Roma alla ripresa avevo trovato una squadra vogliosa di rifarsi, anche se magari meno sereno di adesso. I risultati in questo senso aiutano. Ma la vittoria colta con il Genoa non deve essere fine a se stessa, non ci deve bastare, ora bisogna continuare”.
Le domande dei giornalisti si concentrano allora sui singoli, a partire da Jadid. “Conosco da anni le sue qualità tecniche – spiega l’allenatore crociato – ma il palcoscenico della serie A per lui è qualcosa di relativamente nuovo e diverso. Ha lavorato bene in questi due mesi, l’ho preso in considerazione e lui si è fatto trovare pronto. Un’indicazione importante”. 
Su Galloppa invece: “Ci sono momenti in cui non si riesce ad incidere come si vorrebbe, ma il calcio è una ruota che gira. L’importante è non perdersi mai d’animo, continuare a lavorare per essere sempre pronti a scendere in campo”.
Dopo il successo con il Genoa è arrivata la sosta, come la vive il Parma? ” Non sarebbe stato male giocare subito con la carica del risultato di domenica scorsa, ma dobbiamo essere bravi a tenere alto l’entusiasmo fino alla ripresa del campionato. Ora c’è un’amichevole per permettere anche a chi gioca meno di mantenere alta la concentrazione e tenere il ritmo nelle gambe. Non sono interessato a provare nuovi moduli. Si vuole ridurre il calcio a scienza, mentre io credo sia fatto di sudore, voglia di pedalare e di sacrificio. Posso sembrare fuori dai tempi nel dire questo – prosegue Colomba – ma io punto sugli uomini. Credo che fin qui abbiamo fatto un’escalation. Male con la Juve, meglio con il Chievo, bene per un’ora a Firenze e poi la Roma che è stata la miglior gara prima del Genoa. Domenica scorsa abbiamo disputato una partita completa e spero si siano poste solide basi per il futuro. Sono felice per Giovinco, che ora mediaticamente è il giocatore del momento. Tutto ciò è legato a quel che si sa proporre in campo. Dopo questa esplosione deve sapersi confermare in questa stagione con il Parma per poi magari poter puntare più in alto l’anno prossimo. Come lui anche tutti noi sappiamo che bisogna continuare su questa strada”.
Infine un commento sulle vicende di Bologna: “Per Bisoli dispiace, come dispiace sempre quando un allenatore viene messo da parte. Per Pioli sono contento. Il tecnico parmigiano, come il suo staff, è un grande professionista e sono convinto che darà al Bologna ciò che il Bologna sta cercando”.
Fonte: fcparma.com

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©