Sport / Vari

Commenta Stampa

NAPOLI, SABATO LE OLIMPIADI SCOLASTICHE


NAPOLI, SABATO LE OLIMPIADI SCOLASTICHE
18/11/2008, 16:11

Sabato 22 novembre 2008 alle ore 10:00, presso lo Stadio militare Albricci, inizieranno le Olimpiadi Scolastiche della IV Municipalità alle quali parteciperanno gli alunni di numerose scuole elementari, medie e superiori del territorio.

La rassegna sportiva, patrocinata dal CONI, è promossa dalla IV Municipalità San Lorenzo – Vicaria – Poggioreale, in collaborazione con il Centro Sportivo Italiano e con l’Esercito Italiano il quale, oltre ad aver concesso l’utilizzo dello stadio Albricci, una tra le più grandi strutture sportive napoletane, sarà presente durante tutto lo svolgimento delle Olimpiadi.

Un arco gonfiabile con logo E.I. contraddistinguerà la presenza dell’Esercito. Per l’occasione sarà, inoltre, allestito un apposito stand informativo dove personale qualificato tratteggerà la nuova figura professionale dell’Esercito Italiano il Volontario in Ferma Prefissata ad un anno (VFP1), pedina introdotta a seguito della recente sospensione del servizio di leva obbligatorio.

La cerimonia di apertura delle Olimpiadi Scolastiche – durante la quale verrà accesa la fiamma olimpica – sarà condotta da Flavio Sly e, oltre alla sfilata degli atleti e delle diverse rappresentanze, prevedrà anche un momento di spettacolo e di intrattenimento.
Tedoforo sarà il campione olimpionico di Pechino Mauro Sarmiento, anch’egli militare, che accenderà il braciere dopo aver percorso con la torcia la pista del campo Albricci.

Svariate sono le discipline sportive in cui gareggeranno gli alunni delle scuole: corsa veloce, lancio del vortex, lancio del peso, salto in lungo, tennistavolo, judo, danza sportiva e nuoto per gli sport individuali; calcio a 5, minivolley, superminivolley e volley, mini basket e basket per gli sport di squadra.

Domenica 30 novembre, invece, si terrà con partenza da Porta Capuana una maratona di circa 5 km, che sarà aperta, oltre che agli atleti delle scuole, anche ad appassionati e cittadini.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©