Sport / Calcio

Commenta Stampa

Napoli sul mercato, al presidente piace Walcott


Napoli sul mercato, al presidente piace Walcott
13/11/2010, 07:11

Sogni di gloria, sogni di Champions. E dunque affari, investimenti e una campagna acquisti da pianificare soprattutto in relazione ai risultati: perchè il campionato suggerirebbe di intervenire con un paio di innesti di grande qualità, così da sognare davvero la gloria, ma c'è anche l'Europa League da tenere in conto. E in questo senso, la qualificazione sarebbe un grande incentivo a rinforzare la squadra. Dunque, le manovre. Che partono innanzitutto dal reparto che più d'ogni altro è parso in sofferenza finora: la difesa. Destinata a diventare quasi uno scalo aeroportuale, in vista di gennaio e probabilmente giugno: l'uomo in arrivo ha le caratteristiche di Miguel Angel Britos, giovane mancino uruguaiano in dote al Bologna; gli uomini in partenza, a meno di repentini cambiamenti di umori e situazioni sono invece Fabiano Santacroce (a gennaio) e Paolo Cannavaro (in estate). Sono loro, i due grandi punti interrogativi difensivi: perchè prima della vittoriosa trasferta di Cagliari, il leoncino di Bahia non aveva trovato spazio e fiducia; mentre il capitano è impantanato nella trattativa del rinnovo del contratto in scadenza il 30 giugno 2011. Prima di tutto, però, il nuovo che avanza: è già da un po' che gli occhi sono puntati su Britos, 25 anni e un cartellino molto più abbordabile rispetto a quello di Victor Ruiz dell'Espanyol, referenze ottime e 22 anni da compiere il 25 gennaio. Il catalano è il pallino dichiarato, ma la sua società chiede per intero gli 8 milioni di euro della clausola rescissoria per liberarlo. Tra l'altro, sulle sue tracce si è fiondata l'Inter, che dopo l'infortunio di Samuel è seriamente a caccia del nostro uomo. Trattativa complessa e dispendiosa. Gli uomini del mercato azzurro proveranno fino alla fine, ma nel frattempo emerge Britos. Uruguaiano ma comunitario, e già consapevole del campionato italiano. Il discorso difensivo, però, non può prescindere da Santacroce, che a Cagliari ha ritrovato smalto e serenità e ora vorrebbe trovare continuità: il Napoli, però, è pronto a cederlo e sulle sue tracce si è lanciata la Fiorentina. Uno dei giovanotti più talentuosi e jellati del calcio italiano, insomma, è pronto a cambiare maglia: finora Mazzarri lo ha impiegato soltanto con l'Utrecht, la Steaua (un tempo) e al Sant'Elia, ma dopo due interventi alle ginocchia e un anno dilapidato, Santacroce vuole ritrovare il ritmo.

Il futuro è suo; la Fiorentina è pronta ad acquistarlo. E magari a scambiarlo: il sogno mai accantonato è Riccardo Montolivo, attualmente infortunato ma comunque di livello assoluto. Il Napoli ci pensa. Anche perchè non è ancora stata risolta la situazione contrattuale di un altro centrocampista azzurro: Michele Pazienza. Piace pure lo juventino Momo Sissoko, altro gigante di mediana. Piace sempre il 17enne attaccante argentino-paraguaiano, Juan Manuel Iturbe. E ancora: dall'Inghilterra continua a rimbalzare la voce che vorrebbe il club di De Laurentiis interessato all'ala dell'Arsenal Theo Walcott.

Fonte: Il Mattino.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©