Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

PARLA KALADZE

"Napoli, ti rispettiamo ma vogliamo vincere"


'Napoli, ti rispettiamo ma vogliamo vincere'
27/01/2012, 13:01

A Radio Crc, nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Kakhaber Kaladze, difensore del Genoa:

“Napoli, ti rispettiamo ma vogliamo vincere”.

“Dopo la sconfitta col Palermo, il Genoa è molto concentrato perché noi calciatori sappiamo che domenica affronteremo una squadra molto insidiosa. Vogliamo però fare una bella partita, siamo preparati, sarà dura ma giocheremo davanti ai nostri tifosi per cui siamo consapevoli che il pubblico è per noi un vantaggio.

Quello che è accaduto al San Paolo, nella gara di andata lo abbiamo già dimenticato, non ci pensiamo più. Adesso abbiamo un nuovo allenatore e tanta voglia di vincere contro il Napoli.

Uno tra Hamsik, Lavezzi, Cavani e Pandev in panchina? No, è una cosa a cui non guardo. Il Genoa ha giocato contro grandi campioni per cui non abbiamo paura di nessuno. Certo, il rispetto c’è per gli attaccanti azzurri, ma non li temiamo.

Non penso affatto che il Napoli stia disputano un campionato negativo. Quando si disputa la Champions League non è facile gestire le energie. Quando si gioca ogni tre giorni bisogna fare turnover e tutto deve girare bene, altrimenti è difficile essere competitivi in tutte e tre le competizioni. Il Napoli ha dimostrato di essere una grande squadra quando ha battuto il Manchester City, disputando tra l’altro una bella gara. Penso che contro il Chelsea, la squadra di Mazzarri farà un’ottima prestazione ed ha grosse possibilità di passare il turno. Se il Napoli riuscirà a preparare bene la partita, potrà arrivare ai quarti.

Ultimamente abbiamo avuto qualche problema in difesa perché molti calciatori sono stati infortunati. Dainelli è ancora fuori, Antonelli non ha del tutto recuperato, io sono rientrato da un mese di stop. No so se giocheremo con la difesa a tre o a quattro ma in ogni caso non avremo problemi a stare in campo”.

 

Commenta Stampa
di Massimo La Porta
Riproduzione riservata ©