Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LO SCRIVE IL CORRIERE

Napoli, trasferta da record: in cinquemila a Siena


Napoli, trasferta da record: in cinquemila a Siena
22/01/2012, 10:01

Già da ieri pomeriggio si sentiva parlare napoletano dalle parti di piazza del Campo. Molti tifosi, infatti, ne hanno approfittato per trascorrere un week end con la famiglia, abbinando una piacevole gita turistica alla partita di calcio. "Ma tantissimi altri napoletani lavorano e risiedono in Toscana per cui presumo che una buona fetta dello stadio sarà colorata d'azzurro", confida Giuseppe Pisco del club Napoli Monsummano Terme. Molti hanno già acquistato il biglietto non essendoci l'obbligatorietà della tessera del tifoso per chi non è residente in Campania. Altri, invece, si sono proposti di farlo stamattina sapendo che c'è ancora disponibilità di tagliandi per i settori di tribuna e distinti. "Ci vorrebbe un Napoli come avversario ogni domenica, l'incasso sarebbe ogni volta garantito", sottolinea uno degli addetti alla prevendita del club del presidente Mezzaroma.


CAROVANA - Lo sbarco massiccio di tifosi del Napoli è previsto per stamattina. Arriveranno con ogni mezzo: in auto, in treno, in pullman. "Ne aspettiamo cinquemila circa", calcolano in Questura, avendo peraltro predisposto un servizio d'ordine già collaudato intorno al civettuolo impianto senese, situato alle porte della città e facilmente raggiungibile a piedi dalle aree di parcheggio. Strade transennate, un'uscita della Superstrada chiusa, ampia isola pedonale nella zona adiacente Viale dei Mille. L'unico auspicio dei dirigenti delle Forze dell'Ordine è che intorno all'Artemio Franchi-Montepaschi Arena non si crei ressa, con l'invito a recarsi in largo anticipo agli ingressi.


PASSIONE INFINITA - Di questi tempi, solo il Napoli riesce a resistere alla crisi, riuscendo a convogliare intorno al fenomeno calcio migliaia di tifosi. In trentamila per una partita di Coppa Italia, quella con il Cesena, in quarantamila circa nelle undici trasferte fin qui sostenute. Tre delle quali affrontate all'estero. A Vila Real, nella sfida che valeva la qualificazione nel girone di Champion League, furono costretti a riaprire i botteghini tanti i napoletani davanti al Madrigal alla ricerca di un biglietto. A Monaco di Baviera, la piazza principale (Marienplatz) venne letteralmente invasa da migliaia di napoletani giunti sul posto molte ore prima della sfida all'Allianz Arena. E anche a Manchester, dove in quanto ad incitamento non sono da meno, rimasero sorpresi dal tifo che fecero i circa tremila napoletani presenti all'Ethiad Stadium. Quarantamila supporter al seguito distribuiti in undici partite. Con una media di oltre tremila persone a gara. "La nostra tifoseria è impagabile", sottolinea spesso Mazzarri. Ed è anche per loro che i calciatori del Napoli si battono fino ai minuti di recupero senza mai mollare. Vorrebbero ripagare tanto affetto e spesso vanno a dividere con loro i successi. Quest'anno in trasferta non ce ne sono stati tanti ma la fiducia è rimasta intatta. Nessuno ha dimenticato gli exploit dello scorso campionato, tanto meno la schiacciante vittoria in casa dell'Inter.


IL RECORD - Non ci fosse stato l'obbligo della tessera del tifoso, probabilmente si sarebbero contati anche più tifosi in trasferta. Eppure i napoletani residenti fuori della Campania hanno contribuito a far crollare il record d'incasso dello stadio di Novara e a far registrare un incasso importante al Cesena e all'Atalanta. Probabilmente anche oggi il cassiere del Siena avrà i suoi buoni motivi per sorridere. Ma i cinquemila del Franchi, molti dei quali presenti anche in altre trasferte, sperano di salutare dal vivo un'altra vittoria in trasferta dopo quella di Palermo e prepararsi così alla rivincita con l'Inter in Coppa Italia di mercoledì sera.

FONTE: CORRIERE DELLO SPORT

Commenta Stampa
di Luigi Russo Spena
Riproduzione riservata ©