Sport / Vari

Commenta Stampa

NAPOLI: TUTTO FACILE A SCUTARI


NAPOLI: TUTTO FACILE A SCUTARI
14/08/2008, 23:08

Tutto fin troppo semplice per il Napoli di Reja che, dopo il 3-0 inflitto agli avversari, inizia a toccare la sponda europea con la punta delle dita. Una partita, quella di Scutari, che è iniziata con ritmi blandi e con i giocatori partenopei messi in difficoltà dall’asfissiante pressing avversario. Poco prima della fine del primo tempo, però, un grande spunto sulla destra di Cristian Maggio fornisce a Ignacio Pià l’occasione di portare la squadra azzurra in vantaggio. Il brasiliano non fallisce e, imbeccato splendidamente da un cross dell’ex sampdoriano, colpisce di collo piede interno e mette fuori causa il portiere del Vllnazia. Le squadre vanno negli spogliatoi sul risultato di 1-0 per il Napoli. Il secondo tempo, a parte qualche conclusione del redivivo Sukai (ottima punta Albanese dal futuro promettente), è un monologo partenopeo. Pià insacca per la seconda volta dopo una perfetta spizzata del solito German Denis e una dormita della difesa avversaria. Lo stesso Denis, meravigliosamente servito da un cross di prima del neo entrato De Zerbi, al 73’ siglerà poi il suo primo goal in maglia azzurra e fisserà il risultato sul pesante, rassicurante e definitivo 3-0.

La pratica del secondo turno preliminare di Uefa, dunque, pare archiviata. Certo ci sarebbero da fare le solite considerazioni: dire che, ad esempio, la palla e rotonda e che, fino al fischio dell’arbitro al S. Paolo, il terzo turno non è ancora conquistato ma, stando a ciò che si è visto questa sera a Scutari, la superiorità tecnica del Napoli è sul serio schiacciante e non lascia molte speranze ai giocatori, comunque volenterosi e generosi, della compagine albanese (che hanno comunque vinto la coppa d’Albania battendo, in finale, la squadra di Tirana che vince lo scudetto da ormai 4 stagioni). Reja e i suoi possono ritenersi soddisfatti. Ottima prestazione di tutti gli uomini in campo e, in particolar modo, di Pià, Vitale, Blasi e Maggio. Un po’ in ombra Hamsik e qualche incertezza per Rinaudo. Di sicuro, però, gli uomini dell’allenatore Goriziano guardano al 28 agosto con grande serenità e altrettanto ottimismo.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©