Sport / Calcio

Commenta Stampa

BIGON VEDRA' MARINO

Napoli-Atalanta, domani l'incontro per Schelotto


Napoli-Atalanta, domani l'incontro per Schelotto
02/07/2012, 13:07

Ci sono un argentino, un cileno, due uruguayani e (almeno) un napoletano: ma non c'è assolutamente nulla da ridere, semmai c'è da aspettare che i prezzi calino e il caldo pure, affinché si possa ragionare in condizioni più agevoli. Ci sta un esterno di fascia destra ed un suo omologo di sinistra, c'è un difensore con i connotati ideali ed un interditore per la metà campo: ma poi ci sono i tempi del mercato da rispettare, le strategie da limare, le trattative da affrontare e una squadra che così com'è piace a De Laurentiis, Bigon e Mazzarri; e dunque contenti loro...C'è un Napoli che è già idealmente tracciato sul campo: 3-4-2-1 o qualche variabile dalla cintola in su che può trasformare il sistema in 3-4-1-2 o addirittura in 3-5-1-1; e poi ci sono le idee e un percorso che - elementare - conduce sempre lì, in Sud America.
RICOMINCIA DA TRE - Ricapitolando: la struttura esiste, i titolarissimi pure, mancano - per definizione del management - un uomo da sistemare in competizione con Campagnaro, un cursore (prima sembrava di sinistra, poi s'è pensato a destra, magari si finisce su entrambe le corsie) e un centrocampista di lotta e di governo (ma se parte Gargano diventeranno due). I fatti separati dalle opinioni raccontano di una perlustrazione assai recente del Napoli a Bergamo, per avere informazioni precise su Ezequiel Schelotto (23) tornante classico assai eclettico, interprete (ormai a memoria) del 4-4-2, però adattabile al codice-Mazzarri: è stata la new entry di una settimana consumata tra consultazioni varie, propeutiche all'appuntamento con l'Atalanta per definire il rientro di Cigarini in nerazzurro. Accadrà domani, quando Pierpaolo Marino e Riccardo Bigon avranno modo di accomodarsi ad un tavolo milanese, per risistemare al centro del discorso quello Schelotto che potrebbe - a sorpresa - mutare gli scenari, spostando l'attenzione principale del Napoli dalla corsia sinistra a quella destra.
FONTE: CORRIERE DELLO SPORT
PdM

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©