Sport / Calcio

Commenta Stampa

LA TATTICA

Napoli-Atalanta, La Partita alla Lavagna


Napoli-Atalanta, La Partita alla Lavagna
08/05/2010, 17:05

L’Atalanta è quasi spacciata. Occhio alle corsie esterne, dove agiscono i temibili Valdes e Ferreira Pinto. Lavezzi e Quagliarella "mobili": ecco la chiave di volta azzurra

Una squadra scorbutica, capace di inanellare una serie di preziosissimi risultati nel girone di ritorno. Bortolo Mutti ha dato concretezza ad una squadra spenta dalla cura Antonio Conte. Tanta qualità in mezzo al campo, con Guarente e Padoin  in grado di metterci anche un bel po’ di muscoli. Il gioco degli orobici, tuttavia, si snoda attraverso la ricerca costante degli esterni. Cambi di campo rapidi, due-tre tocchi e palla sulle corsie, con Valdes, a sinistra che s’accentra e lascia spazio alle sovrapposizioni del terzino Bellini, e Ferreira Pinto, sul versante opposto, che va come un treno, coperto alle spalle dal più accorto Capelli. In fase d’attacco, con palla agli esterni, potrebbe crearsi una pericolosa situazione di 4 contro 3. Sarà importante tenerli bassi, ed in questo senso gli esterni partenopei dovranno fare gli straordinari. Altra importante notazione è quella relativa alle punte. Con o senza tridente, le seconde punte azzurre farebbero bene a starsene larghi in modo da pareggiare la superiorità numerica sui lati. I nerazzurri, in terza linea sono abbastanza lenti ed impacciati, e soffrono quei delanteros di movimento, quelli per intenderci che non danno particolari punti di riferimento. Quagliarella e Lavezzi? Why not?

Commenta Stampa
di Pensiero Azzurro
Riproduzione riservata ©