Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

SFIDA EUROPEA

Napoli-Bayern, il momento di reagire


Napoli-Bayern, il momento di reagire
18/10/2011, 06:10

Dopo oltre vent'anni, Napoli e Bayern Monaco si sfidano nella gara che chiude l'andata del girone A di Champions League. L'ultima volta che le due formazioni si sono affrontate si trattava della semifinale di Coppa UEFA, trofeo che alla fine il Napoli vinse battendo nella sfida finale un'altra tedesca, lo Stoccarda. Quello resta, sino ad adesso, l'unico precedente tra le due formazioni, con gli uomini di Maradona che si imposero per 2-0 al San Paolo e pareggiarono per 2-2 nella sfida di ritorno.

Nonostante il precedente positivo, i numeri, quando si parla di scontri europei contro le squadre tedesche, non sono a favore del Napoli: gli azzurri infatti hanno perso le ultime cinque sfide in Europa contro formazioni militanti nella Bundesliga. Inoltre il Napoli ha collezionato solo due vittorie nelle ultime undici sfide giocate sul palcoscenico europeo.

Il Bayern, invece, nei 16 precedenti in trasferta contro italiane in Europa, ha collezionato cinque vittorie, due pareggi e nove sconfitte. Quello che arriva al San Paolo è un Bayern Monaco che basa la sua forza soprattutto sulla difesa: i bavaresi hanno incassato un solo gol, alla prima giornata di campionato, tenendo poi la loro porta imbattuta nel corso di tutte le altre sfide di campionato e Champions per un totale di 12 partite e di oltre 1000 minuti. Non bastasse la difesa praticamente imperforabile, i tedeschi possono contare anche su un attacco eccezionale, 25 gol segnati tra campionato e coppa con un Gomez autore di dieci gol in nove partite di campionato.

A leggere i numeri quella contro il Bayern sembrerebbe essere una missione impossibile, ma il Napoli e la sua voglia di stupire, insieme alla spinta del pubblico del San Paolo, potrebbero spingere la squadra verso un grandissimo risultato.

Mazzarri, unico allenatore a giocare in Champions con il 3-4-3, metterà in campo i titolarissimi, pronti a tutto per centrare una vittoria che potrebbe dire passaggio del turno quasi certo in caso di risultato negativo del City. Le statistiche sorridono agli azzurri: da quando c'è Mazzarri il Napoli si è sempre ripreso da una sconfitta facendo risultato nella sfida successiva (su tutte la vittoria contro il Villarreal dopo la sconfitta con il Chievo).

Assente Robben, l'uomo più pericolo resta Ribery. Fondamentale sarà quindi il lavoro di Maggio e Campagnaro che dovranno contenere le avanzate del francese sulla fascia. In mezzo al campo Inler e Gargano dovranno faticare parecchio per fermare le mezze punte tedesche Kroos e Muller che insieme a Ribery agiscono alle spalle di Gomez. I due centrocampisti azzurri dovranno essere bravi nel rubar palla e nel far ripatire subito gli avanti che, nonostante i numeri eccezionali ed ad eccezione di Lahm, hanno tutto per mettere in difficoltà una difesa molto lenta.

Inoltre, il fatto che i tedeschi non verranno certo al San Paolo per difendersi, darà una grossa mano al gioco azzurro. Infine un ultimo numero che si spera possa portar molto bene: l'ultimo gol segnato da una squadra italiana al Bayern fu siglato da Goran Pandev, si dice che la storia si ripete...  

Commenta Stampa
di Marco Marino
Riproduzione riservata ©