Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Buona la prima per Mazzarri

Napoli-Bologna 2-1, le pagelle


Napoli-Bologna 2-1, le pagelle
18/10/2009, 19:10

De Sanctis: Sicuro, più del solito, incolpevole sulla punizione, nel secondo tempo si supera con un grande intervento su Di Vaio. 6,5

Cannavaro: Autoritario, Mazzarri lo sposta dal centro al centro-sinistra in un paio d'occasioni ma il capitano azzurro non sfigura 6

Campagnaro: Col suo ritorno la difesa sembra più tonica, pronta a ripiegare in maniera tempestiva. Hugo è attento e diligente e si lancia in alcuni recuperi-lampo. 6,5

Contini: Prestazione finalmente convincente, nel primo tempo trova anche un'interessante imbeccata per Quagliarella. 6

Maggio: Con l'arrivo di Mazzarri sembra ritrovato, nel primo tempo è molto propositivo e trova il gol vittoria nel finale. 6,5

Datolo: Spostato da Mazzarri nel ruolo di mezzala, svolge il compito chiestogli dall'allenatore senza mai lanciarsi in eccessi. 6

Gargano: Nel ruolo di regista, simile a quello nel quale è fondamentale nella sua nazionale, svolge una discreta partita, trovando numerosi cambi di gioco degni di nota. 6,5

Hamsik: Sotto le aspettative, non trova l'inserimento giusto e sbaglia qualche passaggio di troppo. 5.5

Aronica:  Riesce ad abbassarsi molto bene assolvendo il compito chiestogli da Mazzarri e ottimizzando la fase difensiva sperimentale a 4. Non riesce quasi mai, però, a ripartire. 5.5

Quagliarella: La sua partita è a due facce: assente fino al minuto 68', quando trova la zampata che toglie gli azzurri dai pasticci. 6

Lavezzi: Ancora una volta il migliore in campo. Nonostante le poche ore trascorse dall'atterraggio, e con il jet-lag ancora sul groppone, si invola spesso, offre assist al bacio e trova lo spunto decisivo al minuto 91. 7

All. Mazzarri: Il nuovo mister non ha, come prevedibile, ancora portato novità tattiche. La squadra pare, però, molto più motivata di prima e, specialmente nel secondo tempo, più cosciente dei propri mezzi. 6,5

Subentrati: Pazienza:6; Rinaudo:sv; Pià:sv.

Commenta Stampa
di Davide Schiavon
Riproduzione riservata ©