Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LE PAGELLE

Napoli-Cagliari, Le Pagelle degli azzurri


Napoli-Cagliari, Le Pagelle degli azzurri
25/04/2010, 18:04

DE SANCTIS voto 6: Mai impegnato tra i pali, poche uscite per timbrare il cartellino. INOPEROSO

GRAVA voto 6: Si incolla agli attaccanti avversari lasciando pochissimi spiragli. Attento e preciso per l’intera partita. ARCIGNO

CANNAVARO voto 6: Vigile e determinato, non soffre mai Matri, si getta a capofitto in attacco nel tentativo di alleviare la sterilità offensiva. GENEROSO

CAMPAGNARO voto 6: Morde con ardore in zona arretrata riuscendo con tempismo a rimediare alle proprie sbavature. Non è fortunato nelle sortite offensive. VEEMENTE

ARONICA voto 5: Vive una giornata di tranquillità apparente nella zona arretrata, è praticamente piatto nella fase di spinta. SPENTO

DOSSENA voto 5: Entra nel finale per provare a contribuire a spingere. Il risultato è a dir poco deludente. DISAGIO

IL MIGLIORE – ZUNIGA voto 6,5: Attacca con costanza e qualità risultando il più pericoloso nella zona offensiva. Sfiora anche il goal. SPINA NEL FIANCO
 
PAZIENZA voto 5,5: Conferma il periodo di calo, non riesce ad essere brillante in copertura. Prova a lanciare sporadici suggerimenti ai compagni d’attacco. SPRAZZI

GARGANO voto 5: Quasi assente in fase di interdizione, molle nei rari contrasti. Totalmente sballato nei deliranti tentativi di elementari impostazioni. SBILENCO

HAMSIK voto 5: Nel momento dell’uscita di Lavezzi è chiamato ufficialmente a trascinare sulle proprie spalle l’intera squadra. Le risposte offerte sono decisamente insufficienti. FRAGILE

LAVEZZI s.v
 
BOGLIACINO voto 5,5: Subentra a Lavezzi ma oltre a improduttivi tocchi poco smarcanti non sembra mai entrare in partita. EVANESCENTE

DENIS voto 5: Spende, spande e non offende. Se la fortuna è cieca il suo mirino sotto porta è ufficialmente da rottamare. Oltre agli errori di precisione sono tantissimi i movimenti errati o mancati nel cuore dell’area di rigore. BOCCIATO

MAZZARRI voto 5: E’ vero che le occasioni la squadra le ha create e sprecate ma ancora una volta, in una partita da vincere a tutti i costi, l’atteggiamento tattico iniziale sembra poco audace. FRENO A MANO

Commenta Stampa
di Massimo La Porta
Riproduzione riservata ©