Sport / Calcio

Commenta Stampa

LO SCRIVE IL CDS

"Napoli-Fiorentina, tira e molla per Behrami"


'Napoli-Fiorentina, tira e molla per Behrami'
09/07/2012, 12:07

Fare due più due non è cosa semplice quando si tratta di mercato. Ne potrebbe scaturire qualsiasi totale, a dispetto della matematica, a dispetto di tutto ciò che ballonzola nell’etere, su carta, o schermo. Il mercato è quindi una scienza profondamente inesatta, talvolta bugiarda, altre volte senza né capo e/o coda, né preavviso o logica che tenga. Stavolta due più due potrebbe anche fare tre, o solo due.
LA COLONIA SVIZZERA - Due svizzeri già ci sono, certo, e con questo? Potrebbero rappresentare una base, un punto di partenza per infoltire la, per ora ristretta, colonia elvetica di stanza a Napoli, visti peraltro i precedenti di argentini e uruguaiani. Basta trovarsi bene, attaccarsi sempre più alla maglia ed ecco pronto il particolare richiamo per il connazionale. Fatto di descrizioni, sms, cinguettii, opere di convincimento, e tutto ciò che può fare al caso. Se per Inler e Dzemaili l’azzurro è ormai il colore preferito, potrebbe anche diventare il colore appetito da qualcuno che è in contatto con i centrocampisti azzurri e della nazionale rossocrociata. Behrami ad esempio. Ecco che il due più due di adesso, potrebbe fare tre in futuro, come lo è stato per Gargano e Cavani, seguiti a ruota da Britos. Ma quella è un’altra colonia, e pure un’altra storia.
VOGLIA DI VALON - Posto che ci sia il “bon parler” dei connazionali e le premesse giuste per un ipotetico trasferimento dalla Viola all’azzurro, va anche aggiunto che il duttile Valon Behrami, svizzero di origine kosovara, nato a Titova Mitrovica, è di sicuro nei pensieri del tecnico partenopeo. Tutto gioca a suo favore: dalla regolarità e robustezza “dell’articolo”, ma soprattutto alla duttilità, visto che è in grado di ricoprire (e l’ha fatto nei club e in nazionale) molteplici ruoli, partendo dalla difesa. Da terzino o esterno di centrocampo, sull’una o l’altra fascia indifferentemente, al centro della linea mediana con licenza d’inserimento nella trequarti. Tutte cose che piacciono molto a Mazzarri, che non ne fa mistero, con in più una stazza non indifferente, centimetri (sono circa 185) in più nel punto nevralgico del campo, velocità, ed un fisico longilineo ma ben temprato.
MA LA VIOLA “NI” - E’ in corso una sorta di tira e molla con la sua Fiorentina. Un po’ piccato dopo il veto della società sulla partecipazione alle Olimpiadi di Londra, ecco che il quadro sul suo futuro sembra attraversare una fase interlocutoria. I Della Valle non vorrebbero di certo privarsene, ma rinnovo ed adeguamento di un contratto che scade nel 2014 non ci sono ancora. Schiarite ed annuvolamenti si alternano frenetici, il Napoli aspetta con una certa acquolina, ed il gradimento della piazza pure ci sta, probabilmente con l’aggiunta di un bel certificato di garanzia sottoscritto dai due connazionali. Bigon è alla finestra: considerati anche gli ottimi rapporti fra i club ed i rispettivi presidenti, potrebbe decidere di muoversi solo dopo un’eventuale rottura di “giarretelle” fra lo svizzero ed i toscani.
L’ATTESA - In attesa di segnali e responsi, Behrami ha trascorso le sue vacanze in provincia di Savona , dopo Miami, improvvisandosi anche dj alla consolle. S’è pure affacciato su twitter: «gente, ma di cosa stiamo parlando?» forse riferendosi al bailamme di trattative in corso. Certo che, prendere Behrami equivarrebbe a rafforzarsi. Il suo curriculum è accattivante: dalla Lazio al West Ham che lo hanno avuto per tre anni, alla stessa Viola, nessuno è tornato indietro per lamentarsi, anzi. Va altresì ricordato che ha avuto il sostegno dei tifosi anche quando, nella scorsa stagione, le cose giravano molto male. Lui c’era: unico a ricevere sentiti applausi per profusione d’impegno ed energie. Il ritiro dei viola è prossimo, fra una settimana a Moena (Trento). Valon ci sarà?.
FONTE: CORRIERE DELLO SPORT
PdM

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©