Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

VOTI E COMMENTI

Napoli-Sampdoria 4-0, le pagelle


Napoli-Sampdoria 4-0, le pagelle
30/01/2011, 19:01

De Sanctis 6,5 - Una sola parata su un tiro di Macheda, in fin dei conti si fa trovare pronto sull'unico tiro scoccato dai doriani.

Santacroce 7 - Se doveva essere un test per capire se Fabiano si merita di rimanere nel Napoli, è stato abbondantemente superato. Sempre attento e puntuale.

Cannavaro 7 - Non parte benissimo, poi si riprende e diventa un muro insormontabile.

Campagnaro 7 - E' in un periodo di forma straordinario, lotta, difende e si propone per le ripartenze azzurre. Da nazionale.

Dossena 6,5 - E' in netta ripresa, manca un po' di precisione nei cross, ma la strada è quella giusta.

Gargano 6,5 - Sbaglia sempre tantissimo, ma è inesauribile e spesso è lui a far ripartire bene l'azione.

Yebda 7 - Cresce di partita in partita, un paio di giocate eleganti e poi tanta, tanta sostanza.

Zuniga 7,5 - Il colombiano è in netta crescita come molte seconde linee del Napoli, il lavoro paga e l'utilizzo nella sua fascia di competenza ne è una dimostrazione.

Hamsik 7,5 - Regista avanzato della squadra torna a segnare e a giocare con grande intensità.

Lavezzi 8 - Non segna ma fa segnare, due assista e un numero innumerevole di scatti, dribbling e giocate da campione. Si è sacrificato anche in fase difensiva. Unico neo, l'ammonizione che gli farà saltare il Chievo.

Cavani 9 - Ogni palla che tocca è d'oro, gioca un po' più avanzato e riesce sempre a lasciare il segno. Un' altra tripletta per un probabile futuro fenomeno assoluto del calcio moderno.


SUBENTRATI

Sosa 6 - Si limita alla giocata semplice senza eccedere.

Lucarelli 5,5 - Tante tossine da smaltire e i fischi delle curve da cancellare.

Cribari 6 - Gestisce bene i 20 minuti in cui è impiegato.


All. Mazzarri 8 - La Sampdoria di questo periodo è poca cosa, ma il tecnico livornese dimostra che il Napoli è diventato una grande squadra a tutti gli effetti.
 

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©