Sport / Vari

Commenta Stampa

Nascono i "Coni point", Coni si riappropria del territorio

Tommasielli: “Insieme per il recupero degli impianti”

Nascono i 'Coni point', Coni si riappropria del territorio
03/07/2013, 13:26

NAPOLI - Il cambio al vertice del Coni nazionale, guidato dallo scorso febbraio da Giovanni Malagò, ha portato cambiamenti sostanziali nell’organizzazione dell’Ente che governa lo sport in Italia. La novità più rilevante riguarda l’istituzione dei Coni Point, le nuove “case dello sport”.

Il delegato provinciale di Napoli è Sergio Roncelli, 68 anni, già vicepresidente del Coni Napoli, Stella d’Oro al Merito Sportivo e presidente regionale della Federazione Tennistavolo e dell’Hockey su Prato. “Con la creazione dei Coni Point il presidente, Giovanni Malagò, e Guglielmo Talento, membro di giunta in rappresentanza dei delegati provinciali, hanno mantenuto gli impegni elettorali. Il Coni, così, ritorna a stretto contatto con il territorio - ha detto Roncelli -. Tengo a precisare che il Coni Point non è una riproposizione del Comitato Provinciale né una sede di sola rappresentanza. Il Coni Point sarà un moderno modello di segreteria polifunzionale deputata a sostenere tutta l’organizzazione operativa delle Federazioni Sportive Nazionali, delle Discipline Sportive Associate, degli Enti di Promozione Sportiva, delle Associazioni Benemerite e delle società sportive. Sarà anche centro di erogazione servizi informativi, di servizi di consulenza e di assistenza. Per questo ci impegneremo nell’organizzazione di manifestazioni che possano coinvolgere il maggior numero possibile di studenti e cittadini, così come da indicazioni del Coni nazionale”.

Nella nuove ripartizione delle responsabilità, il delegato provinciale del Coni svolgerà quindi il ruolo di componente di raccordo con il territorio, rappresentanza presso le istituzioni locali, dialogo e coordinamento degli organismi sportivi, ascolto dei bisogni delle società e perseguimento territoriale degli obiettivi regionali. Cosimo Sibilia, presidente regionale del Coni Campania, dovrà lavorare in sinergia con i propri delegati provinciali, poiché la realizzazione dei progetti e delle attività (“front office”) è demandata agli stessi delegati, coadiuvati dai propri collaboratori e dagli staff tecnici.

Alla conferenza stampa che si è tenuta stamani nei saloni del Coni partenopeo è intervenuta l’assessore allo Sport del Comune di Napoli Pina Tommasielli. “Il confronto tra istituzioni e organismi sportivi resta prioritario per il recupero degli impianti cittadini. Da parte nostra, abbiamo fatto un grosso passo avanti approvando la delibera che consentirà ai privati, in cambio di pubblicità gratuita, di riqualificare settori delle strutture sportive. Stiamo anche lavorando per trovare una soluzione al problema degli impianti costruiti con la Legge 219/81 perché il Comune da solo non può gestirli”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©