Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Nazionale, Roberto Baggio verso l'addio


Nazionale, Roberto Baggio verso l'addio
07/04/2011, 14:04

Coverciano - Potrebbe durare poco il sodalizio tra Roby Baggio e la Figc. A soli otto mesi dalla nomina a presidente del settore tecnico di Coverciano, il "divin codino" potrebbe già lasciare l'incarico a causa di un conflitto di competenze che renderebbe il suo ruolo praticamente inutile. Un progetto da ben 7 milioni di euro sarebbe alla base di dissapori e incomprensioni tra la Figc e l'ex attaccante.

Un progetto da 7 milioni - Dopo aver lasciato nel 2004 il mondo del calcio, rifiutando offerte che avrebbero potuto portarlo anche all'Inter come dirigente, Baggio aveva accettato l'incarico della Federcalcio, consigliato anche da Renzo Ulivieri, suo ex allenatore. Roby Baggio ha recentemente presentato un piano da 7 milioni di euro, che prevede la supervisione e la valorizzazione dei giovani attraverso l'analisi di ben 60.000 partite. Certamente un progetto ambizioso ed oneroso ma che difficilmente sarà approvato, sia per il costo dell'operazione, sia perchè questa invade le competenze del settore giovanile (presieduto da Gianni Rivera) e del Club Italia (con Albertini e Sacchi in testa).

Dissapori - Secondo quanto si legge su Repubblica, se il progetto, come sembra, non dovesse essere approvato dal consiglio federale, Baggio potrebbe dimettersi. Intanto è allo studio se la proposta sia fattibile o meno, ma a quanto trapela dai corridoi della Federazione, difficilmente sarà accettata. L'ex attaccante di Caldogno pagherebbe così un rapporto mai nato con la Figc: qualcuno non aveva ad esempio gradito che il procuratore di Baggio, Vittorio Petrone, fosse entrato nel consiglio direttivo del settore tecnico. "Petrone non è iscritto all'albo degli agenti" si affrettò a precisare la Federcalcio. Ma qualche crepa quell'episodio l'aveva lasciata. Anche lo stesso Baggio, prima dell'incarico a Coverciano, non aveva escluso per sè una carriera da allenatore: "chissà, forse un giorno allenerò: è una sfida, e a me le sfide piacciono". Magari tornerà in Toscana per il corso da tecnico e riprendere in mano quella sua sussurrata ambizione.

Fonte: Newsnotizie.it

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©