Sport / Basket

Commenta Stampa

Dopo 486 partite, si ritira a 30 anni per guai alla caviglia

NBA: Ciao Yao Ming

O'Neal:'' Tra i migliori giocatori della storia della Cina''

NBA: Ciao Yao Ming
09/07/2011, 10:07

NEW YORK - Dopo la serrata organizzata dai proprietari NBA contro i giocatori, mettendo così in dubbio l'inizio di stagione 2011-12, la NBA perde anche una delle sue stelle più apprezzate al mondo, il cinese Yao Ming.

''The Little Gigant'', ha deciso di chiudere la sua carriera a 30 anni, per i troppi infortuni patiti negli ultimi anni, che l'hanno costretto a saltare l'intera stagione 2009-10 e a disputare nello scorso campionato appena cinque partite prima di procurarsi una frattura da stress alla caviglia sinistra che in pratica ha fatto calare il sipario sulla sua carriera.

Il centrone di Shanghai chiude la sua carriera nella National Basketball Association con 486 partite giocate, 19 punti, 9.2 rimbalzi e 1,9 stoppate di media a gara, dopo essere sbarcato come prima scelta assoluta dei Huoston Rockets nel draft 2002.

Dopo l'annuncio del ritiro, una pioggia di saluti è giunta dai colleghi della lega, affezionati a lui per la sua genuinità che lo contraddistingueva anche nel sociale.

Yao, con l'aiuto di altri cestisti NBA, ha più volte organizzato partite di beneficenza, per la raccolta di fondi da destinare ai bambini delle zone disagiate della Cina, essendo ambasciatore cinese del NBA's Basketball Without Borders, programma per la promozione della pallacanestro e la raccolta di fondi per le zone povere del mondo, e testimonial di una campagna anti-AIDS in Cina.

Attraverso Twitter Shaquille O’Neal lo ha definito come “uno dei migliori giocatori della storia della Cina” salutandolo con un “ci mancherai fratello”, invece il suo ex compagno di squadra Tracy McGrady, si è espresso con un “ Mi sento onorato di aver giocato a fianco di Yao Ming a mio parere è stato uno dei più grandi centri di tutti i tempi. Lo considero un amico vero e gli auguro tutto il bene possibile".

Commenta Stampa
di Zaccaria Pappalardo
Riproduzione riservata ©