Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

CERCASI BOMBER

Nel Valzer di punte anche Amauri e Toni in ballo


Nel Valzer di punte anche Amauri e Toni in ballo
21/05/2010, 13:05

Una rosa ampissima da sfogliare, su ogni petalo incombe l’enorme peso dell’errore. L’attaccante da scegliere non si può sbagliare. Il cosiddetto bomber del prossimo Napoli dovrà essere il primo tassello e allo stesso tempo il cardine verso l’acquisizione del cosiddetto salto di qualità. De Laurentiis, Bigon e Mazzarri scrutano, valutano, avanzano proposte ed offerte. Il presidente azzurro punta dritto sul centravanti e se non dovessero esserci cessioni eccellenti , Hamsik su tutti, il tesoretto dal quale attingere per l’intera campagna acquisti si aggira attorno ai 25 milioni. Troppo elevate le richieste per Pazzini e troppo ingombrante l’interesse della nuova Juventus formato Marotta-Del Neri per l’attaccante della Samp. Molto alta la richiesta del Catania per la cessione di Maxi Lopez per il quale il Napoli ha avanzato un’offerta pari a 14 milioni di euro. Le ipotesi Matri e Floccari potrebbero non garantire l’altissimo rendimento ricercato da De Laurentiis. E allora tra le linee guida tracciate dalla triade De Laurentiis-Bigon- Mazzarri potrebbe prendere quota una modalità del tutto nuova per la filosofia aziendale del Napoli. L’acquisizione di un grande attaccante in prestito o con una formula che garantisca al giocatore un ingaggio importante. Gli indiziati portano il nome di Mario Balotelli, Luca Toni ed Amauri. Impossibile acquistare il cartellino di Balotelli, possibile anche se altamente improbabile con la partenza di Mourinho dall’Inter che Moratti lpossa lasciare  maturare Mario sotto il Vesuvio girandolo in prestito a De Laurentiis. Molto più fattibile l’operazione Luca Toni: il centravanti della nazionale campione del mondo difficilmente verrà riscattato dalla Roma e il calciatore non intende tornare al Bayern Monaco. L’interesse di Mazzarri e la voglia di affidarsi ad un attaccante sicuro potrebbero far decollare l’operazione. La situazione di Amauri invece, è ancora da decifrare. L’esperienza alla Juventus non è stata positiva, Del Neri apprezza le qualità dell’italo brasiliano ma sarà determinante l’approdo in maglia bianconera di Pazzini. Se l’attaccante della Sampdoria dovesse passare alla Juventus è difficile immaginare che Amauri possa accettare la panchina. L’ex attaccante del Palermo e dello stesso Napoli non ha mai fatto mistero di desiderare un ritorno in maglia azzurra e una modalità di trasferimento sotto forma di prestito con una divisone di ingaggio tra Napoli e Juventus ( Amauri percepisce 4 milioni di euro l’anno) potrebbe far contenti tutti. Il valzer di punte è solo alle prime note, il ballo è lungo, l’importante è non stonare.  

Commenta Stampa
di Massimo La Porta
Riproduzione riservata ©