Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Nela: "Ci spiegassero perchè hanno preso Vargas"


Nela: 'Ci spiegassero perchè hanno preso Vargas'
21/04/2012, 13:04

A Radio Crc è intervenuto Sebino Nela, ex calciatore azzurro: “Non mi aspetto nulla da Napoli-Novara, se non i tre punti. Ad un certo punto della stagione bisogna lasciare da parte l’estetica per andare a cercare il concreto, non c’è nulla di più importante dei tre punti per tutte le squadre che vogliono ambire al terzo posto. La condizione fisica non al top per il Napoli non è un buon segnale per questo finale di campionato dove gli azzurri dovranno lottare per conquistare un posto in Champions. Vargas? Bisognerà chiedere a chi ha comprato questo calciatore, cosa ha visto in lui. Credo che se si spendono tanti soldi per un ragazzo giovane, evidentemente ci sarà un progetto alle spalle. L’allenatore poi, quando si fanno questi acquisti, dovrebbe quanto meno vedere un paio di cassette per poter dare un giudizio sul ragazzo. Quando si subiscono tanti gol, bisogna visionare tutta la squadra e non solo la difesa. Può essere che gli azzurri abbiano avuto un calo collettivo poi, gli errori dei singoli hanno fatto sì che si incassassero un grande numero di gol. Non so come abbia fatto il Napoli ad essere stato eliminato dal Chelsea nonostante avesse segnato quattro gol ai blues. Dopo quello che ci ha fatto vedere in questa competizione sarebbe un grandissimo peccato non rivedere il Napoli nella prossima Champions League. È anche vero però che se sarà possibile ritornare in questa competizione, il Napoli dovrà investire in numero, quantità e personalità. Abbiamo visto delle cose per le quali possiamo dire che la squadra azzurra non era completa per arrivare fino in fondo alla Champions, abbiamo notato quanto conti l’esperienza in questa competizione. Una grande squadra non deve dipendere da un paio di calciatori. Spero che il Napoli raggiunga il terzo posto e adegui la rosa per una competizione di altissimo livello quale è la Champions League”.

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©