Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Nela: "Sbagliato dare priorità alla stagione"


Nela: 'Sbagliato dare priorità alla stagione'
18/10/2011, 13:10

A Radio Crc è intervenuto Sebino Nela, ex calciatore, attuale opinionista Mediaset: “Mi verrebbe voglia mi mettere calzoncini e maglietta e andare in campo. Mi viene ancora la pelle d’oca quando sento la musichetta della Champions e affrontare una delle squadre più forti del mondo ti trasmette un’adrenalina enorme. Ferguson gioca con il sistema di gioco più facile di questo mondo, però vince sempre. L’allenatore del Manchester United è bravo nello scegliere giocatori, nello scegliere giovani, nel scegliere modulo. Lui, con quel 4-4- 2 o con il 4-4-1-1 ha fatto e sta facendo cose stratosferiche. Dobbiamo ancora imparare molto dai paesi vincenti. Il Bayern, così come il Napoli potrebbero pensare di non spingere fino alla fine della partita. E ciò non significa mettersi d’accordo per raggiungere un pareggio, ma semplicemente non spingere per tutti i 90’. Non vorrei che il Napoli avesse troppa pressione, proveniente dall’ambiente interno e da quello esterno. La pressione interna viene dalla stessa società poiché è stato affermato che la priorità del Napoli deve essere la Champions League. Non vorrei che queste gare riempissero troppo la testa dei calciatori. Capisco la voglia di emergere, però mi sembra che si stia dando troppa importanza alla Champions League e che si stia invece perdendo di vista il campionato italiano. Il Napoli ha beccato un girone difficile e ha anche la possibilità di passare il turno. Ma se si perde di vista il campionato, il Napoli avrà fatto solo un’apparizione in Champions League. Quando si disputano più competizioni, bisogna costruire una rosa adeguata. Incontrare grandi giocatori e grandi squadre organizzate, permette agli azzurri di crescere. Questo è un momento di crescita per il Napoli. Quando accadono episodi spiacevoli, come quelli di ieri sera con l’accoltellamento di alcuni tifosi del Bayern, non bisogna ricercare nei tifosi del Napoli il colpevole perché questo non è tifo, si chiama delinquenza. E, quando accadono questi episodi, il calciatore scende in campo agguerrito e con la voglia di vincere. Vorrei che stasera si desse importanza a quel calciatori che fanno il lavoro sporco, quello duro. Mi piacerebbe vedere un gol di un centrocampista. Spero sarà la notte di Gokhan Inler. Rafinha a Genoa non ha fatto molto bene, ma è stato il miglior esterno basso della Bundesliga per almeno due stagioni. Sa fare tutte e due le fasi, per cui se si vuole attaccare e difendere può essere un ottimo calciatore. Boateng invece, sa fare una sola fase di gioco. Stasera credo che il Napoli debba mostrare tanta personalità che è quella cosa che ti permette di fare prestazioni in partite che contano. Con il Bayern è una di quelle partite in cui bisogna tirar fuori la personalità”.

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©