Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

IL PRESIDENTE

"Nessuna offerta per Quagliarella"


'Nessuna offerta per Quagliarella'
30/06/2010, 20:06

Dagli studi di Cinecittà Aurelio De Laurentiis parla di mercato e finalmente chiude la questione Quagliarella.
"Noi dobbiamo fare le cose che vuole l'allenatore. Mazzarri mi ha sempre detto che per il campionato ha bisogno di 16 giocatori e con l'Europa League massimo 21-22. Noi già adesso ne abbiamo anche troppi. Dobbiamo assolutamente cedere e poi acquistare i tasselli giusti. Comprare per comprare non ha senso. Servono rinforzi funzionali sui tre fronti".
Quali sono i giocatori che il Napoli sta cercando in questo momento?
"Voglio giovani che possano adattarsi nel nostro progetto. Noi abbiamo detto che vogliamo un difensore mancino, un centrocampista e un attaccante. In un contesto di rientri e di rivisitazione del modulo, Mazzarri potrebbe pure decidere nel reparto arretrato e in mediana di aspettare qualche mese. Il nostro allenatore ha la cloche in mano. Deve decidere chi tenere e chi no, ho dato a lui questa responsabilità. Io faccio il presidente".
A proposito di mercato in uscita, in questo periodo si parla molto di sirene russe per Fabio Quagliarella. "Io l'ho comprato e non posso che pensarne bene. Senza le tre giornate di squalifica, avrebbe potuto segnare qualche gol in più, incassare un premio previsto dal suo contratto e forse noi saremmo arrivati quarti. Sono facilmente rintracciabile, se arriva una telefonata oppure un'offerta di 10 rubli, io rispondo che m'interessa o che non m'interessa. Questo discorso non vale solo per Quagliarella ma per tutti i calciatori. Le offerte serie vanno prese considerazione per capire il valore reale dei nostri giocatori".
L'obiettivo numero uno della società azzurra è un altro. "Non mi posso permettere di chiudere i conti in rosso. Le finanze del club devono essere in ordine e io non voglio sfasciare nulla. Devo accontentare i cinque milioni di tifosi del mondo. Saremo all'altezza, non ho intenzione di cedere i nostri gioielli, a meno che non arrivi un pazzo con offerte fuori mercato". Infine una parola sul sistema calcio, sistema vecchio e da trasformare. "Deve cambiare, io lo dicevo da tempo e adesso tutti criticano Blatter. Io sarei per un riappropriarci del nostro marchio e fare un campionato europeo con le migliori nazioni tra Inghilterra, Italia, Francia, Spagna e Germania".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©