Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Nesta:"Anche senza Ibra scudetto sicuro"


Nesta:'Anche senza Ibra scudetto sicuro'
13/04/2011, 20:04

''Ibrahimovic e' stato punito oltre misura'', si sbilancia Alessandro Nesta. A volte va diversamente, osserva Massimiliano Allegri, ma ''e' stato applicato il regolamento''. Il dibattito restera' aperto fino al giorno del ricorso in attesa del prossimo insulto a un arbitro. Ma il Milan deve concentrarsi sulle ultime sei partite per non perdere lo scudetto. E finche' lo svedese sara' fuori (tre giornate per ora) l'attacco e' sulle spalle di Alexandre Pato. ''Sono sicuro che quest'anno arriviamo fino in fondo, siamo uniti per portare scudetto e coppa Italia al Milan'', ha detto a Milan Channel il brasiliano, che invoca la spinta di 80mila tifosi sabato contro la Sampdoria come nel derby in cui ha segnato una doppietta all'Inter. Il giocatore brasiliano ha spiegato che ''il derby e' stato speciale, era molto importante vincere per restare davanti. Abbiamo fatto tre gol e potevamo farne di piu' ma quella partita e' passata, adesso pensiamo alla Sampdoria che sara' molto molto difficile perche' loro devono vincere, cosi' come noi''. Dopo l'ultima rete realizzata a Firenze ha abbracciato Ibrahimovic: ''C'e' sempre qualcuno che vuole mettere in bocca qualche parola - ha detto Pato, riferendosi alla sua presunta difficolta' a giocare con lo svedese - ma noi siamo amici e sono molto contento di giocare con a lui. Ibra e' un supercampione, speravo non prendesse questa squalifica ma sono sicuro che tornera' in fretta e dara' la mano che ha sempre dato''. Sprecare il vantaggio sulle inseguitrici non e' impossibile, perche' come dice Nesta ''l'Inter ha un calendario migliore del nostro e del Napoli e puo' tornare in corsa''. Ma sarebbe scellerato per una squadra in testa da cinque mesi. La dirigenza ha fatto le sue raccomandazioni alla squadra. A partire dal patron Silvio Berlusconi. ''Quest'anno - ha sostenuto - ho investito 75 milioni, ma non ci guadagno. Le squadre italiane giocano in inferiorita' proprio per il trattamento fiscale che hanno rispetto agli altri club stranieri''. Se il Milan fosse andato oltre gli ottavi di Champions, le casse di via Turati ne avrebbero beneficiato. Ma il discorso di Berlusconi sembra piu' che altro legato al ''sogno'' chiamato Cristiano Ronaldo. ''Non avevo alcun dubbio che al presidente piacesse Cristiano Ronaldo, gli piacciono giocatori di grande classe - ha osservato Allegri a Mediaset - E' economicamente compatibile con Ibra? Domandatelo al presidente''. Il tecnico non potrebbe che essere contento di un simile acquisto, mentre Pato non si preoccupa della concorrenza: ''Penso solo a fare il meglio per il Milan, al resto non guardo''. Concludere bene la stagione e' anche il primo pensiero di Nesta. Il difensore a 35 anni non vuole ancora smettere ma nega di aver preteso da Adriano Galliani un ingaggio all'altezza di quello di Mexes. ''Io non so se Mexes viene, non pretendo niente, so che comunque sto andando avanti con gli anni, non pretendo i soldi che guadagno adesso. Percio' - ha chiarito Nesta -, chi scrive queste cose lo fa solo per mettere un po' di zizzania nel nostro ambiente. Con Galliani non ho ancora parlato di niente. C'e' l'ipotesi che io possa rimanere un altro anno, ma non si e' parlato di cifre, o di niente. Non so dove abbiano sentito quella frase'.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©