Sport / Calcio

Commenta Stampa

OBIETTIVO SFUMATO

Nocerino, niente Napoli: rinnova col Palermo


Nocerino, niente Napoli: rinnova col Palermo
20/06/2011, 18:06

Cos'hanno in comune Antonio Nocerino, Marco Di Vaio e Kwadwo Asamoah? Non l'età, né la nazionalità e neppure il ruolo, soltanto un aspetto. Sono inossidabili, indistruttibili, gli unici tre calciatori di serie A (esclusi i portieri) a essere scesi sempre in campo in tutte e 38 le partite del campionato appena concluso. Mai un infortunio né una squalifica. Sempre presenti, ecco perché il Palermo che trattiene Nocerino e gli rinnova il contratto, forse già questa settimana, riparte con una marcia in più.
Perdere il Ringhio napoletano, 3579 minuti in campionato e altre 11 presenze tra coppa Italia ed Europa League significava fare a meno di un leader in campo e nello spogliatoio, di un trait d'union tra giovani e senatori, di un lottatore che non molla mai ma Maurizio Zamparini, alle prese con navigatore satellitare e impervie stradine austriache rassicura i tifosi: 'Nocerino resta al Palermo al 100%'. Negli ultimi giorni si è aggiunto un altro tassello, il blitz del Genoa per acquistare Constant del Chievo. Il Palermo, ottenuto il 'sì' di Nocerino e del suo agente Alessandro Moggi, ha mollato la presa sul centrocampista della Guinea che avrebbe rappresentato per il nuovo Palermo di Pioli una buona alternativa in caso di partenza del campano.
A confermare l’idillio raggiunto per il proseguimento dell'avventura di Nocerino in rosanero ci pensa il vicepresidente Guglielmo Micciché: 'Nocerino resta? Assolutamente sì, lo vogliamo noi e ancor più lo vuole lui'. Se le parti non si sono ancora viste per prolungare è solo per il fatto che fino a pochi giorni fa il club di viale del Fante era sprovvisto di ds. Con l'arrivo di Sean Sogliano il problema si avvia alla soluzione: 'Tra oggi e domani Sogliano torna in Italia - prosegue Micciché - s'incontreranno e chiuderanno'.
Tutto è bene quel che finisce bene, ma fino a qualche settimana fa la situazione era molto fluida. Il futuro di Nocerino, con un contratto in scadenza nel 2012 e parecchi club come lo stesso Genoa e il Napoli pronti a tentarlo con contratti succulenti, sembrava molto in dubbio. L'addio di Rossi aveva aumentato le sue incertezze, d'altronde l'idillio col romagnolo era alla luce del sole: 'Con Zenga - diceva - volevo andare via, con Rossi giocherei anche terzino', oppure 'Delio è un maestro di vita, un'àncora'. Per Nocerino un progetto Palermo senza Rossi sembrava impossibile ma oggi, passato il mal di pancia, il futuro sotto Montepellegrino è molto più rosa che nero.
FONTE: La Gazzetta dello Sport - Edizione Sicilia

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©