Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Higuain bastona il "Toro"

Non c'è storia: Napoli-Torino 2-0


Non c'è storia: Napoli-Torino 2-0
27/10/2013, 17:11

NAPOLI - Pronti, partenza, via finalmente Napoli-Torino. Sin dai primi secondi il campo è colorato solo di azzurro. Il Torino non riesce a mantenere il possesso palla per più di 60 secondi. Il Napoli si rende pericoloso per tutto il primo quarto d'ora ma senza, mai, impesierire troppo Padelli. Al 14' del primo tempo una splendida azione di Dries Mertens che entra in area con uno splendido sombrero ma Bellomo stende, con ingenuità, l'attaccante azzurro. Non ci sono dubbi è calcio di rigore. Alla moviola, però, si nota l'astuzia del giocatore Belga che, con un leggero movimento del piede destro, cerca Bellomo per farsi stendere. Dagli 11 metri si presenta Gonzaolo "el Pipita" Higuain che, non calciando un ottimo rigore ma potente e sotto la traversa, non concede chances a Padelli che, comunque, indovina l'angolo. Il risultato, adesso, è di 1-0. Higuain ritrova il gol, il quarto in questa stagione. 
Nonostante tutto, il Toro ha difficoltà ad uscire dalla propria metà campo e quando lo fa ad atterde Cerci e Barreto ci sono Albiol e Fernandez, che si mostrano una vera diga. Dagli sviluppi di un corner per i partenopei, Fernandez, di collo piede, spara sul braccio di Glik e l'arbitro, con l'aiuto dell'assistente Mazzoleni, fischia un secondo penalty per gli uomini di Rafa Benitez. Un rigore, questo, un po dubbio, da valutare la posizione del braccio di Glik. Dal dischetto si presenta nuovamente Higuain e il duello con Padelli si rinnova. Stavolta, però, l'argentino è più tranquillo e spiazza il portiere che si butta alla sua destra con la sfera che si insacca, invece , a sinistra. Siamo sul 2-0 e stiamo solo al 34' del primo tempo. La prima frazione si chiude con un ottimo possesso palla del Napoli.
Il secondo tempo apre con dui cambi per i granata: Meggiorini per, il poco incisivo, Cerci e Bascha per Gazzi. Non cambia musica. Il Napoli fa la partita e il Torino guarda. Timitamente e raramente i granata bussano alla porta di Reina ma senza impensierirlo troppo. Al 62' Ventura esegue il secondo cambio con Maksimovicche subentra a D'ambrosio, seguito dal Napoli. Da questo momento ci provano solo Insigne e Mertens, che meriterebbero la rete, ma entrambi trovano delle ottime opposizioni di Padelli.
Benitez, poi, concede spazio a Callejon prelevando Higuain. Standing ovation per l'argentino. Proprio il neo entrato si rende artefice di un'ottima azione per siglare il 3-0 ma Padelli lo chiude. Infine, il tecnico spagnolo preleva l'esausto Mertens, anche per lui standing ovation, e il capitano Marek Hamisik, altra ovazione per la sua prestazione. Subentrano Pandev, per non perdere confidenza con il campo, e Zapata, per accumulare minuti. Il risultato non cambia. A Napoli finisce 2-0

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©