Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

L'ATTACCO DI MOGGI

"Non capisco la Juve: come se agissi da solo"...


'Non capisco la Juve: come se agissi da solo'...
09/11/2011, 11:11

L'ex d.g. bianconero a Sky: "Spero in una giustizia vera e aspetto di leggere le motivazioni, perché non riesco a capire la sentenza. La posizione della Juventus? Fa sembrare che io abbia giocato da solo, ma non è così"
Dopo la sentenza penale di primo grado del processo su Calciopoli, che l'ha visto condannato a 5 anni e 4 mesi di deternzione per associazione a delinquere, Luciano Moggi sfoga la sua amarezza in un'intervista a Sky Sport 24. "Andremo all'appello e spero in una giusitizia vera - dice l'ex d.g. della Juventus -. Quella di ieri era una sentenza già scritta e incomprensibile. Per questo, aspetto di leggere le motivazioni e poi continuerò la mia battaglia. Non si è tenuto conto di tre anni di dibattimento. Quello che non capisco è la posizione della Juve, espressa nel comunicato: fanno sembrare che io, in quegli anni, abbia giocato da solo... e non è affatto così. Andremo avanti e dimostrerò che le schede svizzere comprate dalla Juve non erano finalizzate a imbrogliare, bensì a difendersi dallo spionaggio industriale messo in atto dall'Inter a quei tempi".
FONTE: GAZZETTA.IT
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©