Sport / Vari

Commenta Stampa

NUOVO SUCCESSO PER IL DIESEL AUDI NELLA GARA DI LE MANS


NUOVO SUCCESSO PER IL DIESEL AUDI NELLA GARA DI LE MANS
19/06/2008, 10:06

La Audi conquista l’ottavo successo su dieci partecipazioni alla 24 Ore di Le Mans e si inserisce al terzo posto nella classifica delle Case più vincenti di tutti i tempi a partire dal 1923, a una sola lunghezza dalla Ferrari.
 
Al via per la terza volta, la R10 TDI si conferma imbattuta. La Audi continua a essere, quindi, l’unico Costruttore in grado di vincere la 24 Ore di Le Mans con una vettura Diesel.
 
La Audi R10 TDI ha corso sul circuito francese la sua 29a gara, centrando la 16a vittoria.
 
Nell’edizione 2008, la R10 TDI vincitrice è stata alimentata per la prima volta in assoluto con un biocarburante di seconda generazione. Infatti, oltre al già noto GTL, al Diesel Shell V-Power è stata aggiunta una piccola di quantità di BTL (Biomass to Liquid).
 
Dindo Capello, Tom Kristensen e Allan McNish hanno portato a termine 381 giri, coprendo la distanza di 5.192,649 chilometri al volante della Audi R10 TDI con telaio numero 204. Si tratta del record assoluto di percorrenza per il circuito nella versione attuale.
 
Con una velocità media di 216,300 km/h la 76a edizione della 24 Ore di Le Mans è stata la quinta più veloce nella storia e la più veloce a partire dal 1990, quando sono state inserite le due chicane sul rettilineo Hunaudières.
 
Alexandre Prémat ha ottenuto il giro di gara più veloce, per quanto riguarda le Audi R10 TDI, nel pomeriggio di sabato: il pilota francese ha impiegato 3’23”939 per compiere il giro numero 75 (velocità media 240,584 km/h), 3”237 in meno rispetto al primato stabilito da Allan McNish nel 2007.
 
Allan McNish ha invece fatto registrare il tempo di 3’23”319 (velocità media 241,317 km/h) nel corso del warm up: si tratta del record assoluto per la R10 TDI sul circuito di Le Mans.
 
Per la quinta volta nella storia della 24 Ore di Le Mans, e per la prima volta negli ultimi 20 anni, la vittoria è andata alla vettura contrassegnata con il numero 2.
 
Nel corso della gara quattro vetture hanno lottato per il successo finale, alternandosi al comando della corsa per ben 25 volte. La Audi R10 TDI vincitrice è stata in testa per 178 dei 381 giri totali – più di ogni altra vettura.
 
Delle 55 vetture schierate sulla griglia di partenza, 19 sono state costrette al ritiro. Le tre R10 TDI dell’Audi Sport Team Joest hanno portato a temine la gara.
 
La R10 TDI numero 2 ha effettuato 32 soste, trascorrendo ai box 31 minuti e 56 secondi. Grazie all’efficienza del motore Diesel, la Audi ha potuto limitare il numero dei pit stop - 4 in meno rispetto alla Peugeot seconda classificata - e non ha dovuto far fronte ad alcun imprevisto: la vettura vincitrice, infatti, non ha avuto problemi tecnici. I cambi gomme sono stati 20 in totale.
 
Ogni pieno di Diesel Shell V-Power ha consentito ai piloti della Audi di percorrere 12 giri, uno in più rispetto ai rivali della Peugeot. Il consumo medio durante la gara si è attestato sui 45,56 litri per 100 km.
 
Nel corso della 24 Ore ci sono stati solo 8 avvicendamenti alla guida della R10 TDI vincitrice. Il turno più lungo ha visto come protagonista Allan McNish, in pista dalle 6.11 alle 9.31 per un totale di 3 ore e 20 minuti consecutivi.
 
Dindo Capello ha festeggiato la terza vittoria a Le Mans, mentre Tom Kristensen ha centrato l’ottavo successo personale, confermandosi così recordman della competizione. Per Allan McNish è la seconda affermazione sul circuito francese – la prima al volante della Audi – dopo quella ottenuta nel 1998. L’equipaggio della Audi R10 TDI numero 2 è riuscito a imporsi al terzo tentativo.
 
L’età media del team vincitore è di 40,3 anni. Dindo Capello ha festeggiato il suo 44° compleanno martedì 17 giugno, due giorni dopo il trionfo di Le Mans. Tom Kristensen compirà 41 anni il prossimo 7 luglio, mentre nel mese di dicembre sarà il turno di Allan McNish, che soffierà su 39 candeline.
 
Complessivamente, questa edizione ha visto la 26a partecipazione di un Costruttore tedesco, la 50a di una vettura scoperta e la 17a per la Michelin - partner della Audi - dal 1998 imbattuta a Le Mans.
 
Reinhold Joest ha celebrato il decimo successo a Le Mans, il sesto con l’Audi Sport Team Joest.
 
La tecnologia della Audi è risultata la migliore per l’ottava volta. Il Dr. Wolfgang Ullrich, Responsabile della Audi Motorsport, è stato l’artefice di tutte le vittorie.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©
LE ALTRE FOTO.