Sport / Offshore

Commenta Stampa

Offshore 3000: intervista al pilota frusinate Piersimone Volpe


Offshore 3000: intervista al pilota frusinate Piersimone Volpe
13/09/2012, 15:41

Difficile rimanere lontano dalle gare, non potevo non partecipare al 1° Gran Prix San Felice Circeo", così il pilota frusinate Piersimone Volpe, impegnato sabato e domenica prossima nel Campionato Italiano Offshore 3000, con il collega Riccardo Esperto per il team Esperto Offshore.

1° Gran Prix San Felice Circeo

Campionato Italiano

De Mitri Cup 2012

C.I. Offshore 3000

C.I. Endurance Boat Racing

14 – 15 – 16 Settembre 2012

San Felice Circeo (LT)

Tutto è pronto per il “1° Gran Prix San Felice Circeo”, appuntamento di prestigio per la motonautica italiana, gara valida per la 4a e 5a prova del Campionato Italiano Offshore 3000 e per la 3a e 4a prova del Campionato Italiano Endurance Boat Racing, che si terrà sabato 15 e domenica 16 settembre nello specchio di mare antistante il porto di San Felice Circeo. Nell’Offshore 3000 c’è attesa per il ritorno all’attività agonistica, dopo un breve periodo di assenza, del pilota frusinate Piersimone Volpe, che gareggerà con il giovane e promettente Riccardo Esperto per il team Esperto Offshore. “Difficile rimanere lontano dalla motonautica e dalle gare dopo aver corso per più di dieci anni – esordisce Piersimone Volpe – ecco spiegato il mio esordio stagionale nel campionato italiano Offshore 3000, con la passione e l’entusiasmo di sempre. Sono emozionato? Forse si, perché proprio a San Felice Circeo ho iniziato la mia carriera nel 2000 e quindi in questo mare mi sento a casa e sono particolarmente motivato”. Oltre l’emozione e le difficoltà prevedibili in una gara impegnativa come quella del campionato italiano, peserà il fatto di scendere in acqua con un team importante come l’Esperto Offshore? “Sono molto felice di partecipare alla gara e di lottare per questo team, che ha una storia e una tradizione prestigiose nella motonautica italiana. Franco Esperto, nonno di Riccardo, mio compagno d’avventura, ha vinto due mondiali offshore negli anni ’70 gareggiando con Giulio De Angelis, papà di Elio, pilota automobilistico di Formula 1 prematuramente scomparso nel 1986. Mauro Esperto, papà di Riccardo, è stato un ottimo pilota in Classe 1 con una grandissima esperienza nel settore, che oggi mette a disposizione della squadra ricoprendo il ruolo di team manager. Con loro c’è un bellissimo rapporto, sia a livello personale che professionale, per questo motivo non ho avuto dubbi nell’accettare la proposta, poiché ritengo sia un piacere vivere insieme questa nuova avventura. Credo che il feeling con Riccardo Esperto possa rappresentare una delle armi in più della nostra imbarcazione per questo doppio impegno nel campionato italiano Offshore 3000. Vogliamo consolidare la terza posizione in classifica e chissà, con una gara attenta, potremo anche stupire tutti con un risultato lusinghiero”. L’obiettivo dichiarato quindi è quello di tentare la scalata verso la vetta della classifica, oggi guidata dai fratelli napoletani Diego ed Ettore Testa, del Circolo Canottieri? “In questa competizione ci sono ottimi equipaggi, a partire proprio dai fratelli Testa, per passare poi ad Andrea Cardinali e Daniele Benedetti, attualmente al secondo posto. Noi pensiamo di aver lavorato con intensità in queste settimane ed abbiamo settato la barca nel migliore dei modi, considerando anche le previsioni meteo che indicano 65 cm di onda sabato, condizione positiva per la nostra strategia di gara, mentre domenica dovrebbe esserci un mare relativamente meno mosso con circa 40 cm di onda. In ogni caso siamo pronti a dare il massimo per il nostro team ed i nostri tifosi, poi, tutto può succedere e chissà che non potremo regalare e regalarci un risultato importante”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©