Sport / Offshore

Commenta Stampa

Offshore, Diego Testa a caccia del primo successo stagionale


Offshore, Diego Testa a caccia del primo successo stagionale
02/06/2011, 14:06

Sabato e domenica tornerà in mare il nuovo scafo Carpisa Yamamay di Diego Testa, che sarà impegnato a Nettuno, nel Lazio, per la terza prova del campionato italiano offshore classe 3000. La barca del campione napoletano, battente bandiera del Circolo Canottieri Napoli, dopo la buona prova nelle acque di casa di due domeniche fa, quando solo uno sfortunato incidente la fermò a un passo dal podio, avrà una seconda occasione per mettersi in mostra e puntare al primo successo stagionale.

“Andiamo a Nettuno con l’obiettivo di vincere – spiega Diego Testa, che sarà a bordo insieme al fratello, Ettore – la gara di Napoli è stata sfortunata ma ci ha dato la conferma di avere uno scafo altamente competitivo. Abbiamo avuto altre due settimane per metterlo a punto, cambiando l’assetto dei pesi e provando eliche diverse, per riuscire a trovare il giusto equilibrio che ci possa permettere di puntare alla prima vittoria. Il nostro obiettivo stagionale resta il mondiale in Svezia a luglio, ma intanto vogliamo toglierci qualche soddisfazione in Italia”.

Nel Lazio le condizioni del mare dovrebbero essere simili a quelle incontrate a Napoli due settimane fa, quindi congeniali al Carpisa Yamamay. Anche il meteo sarà simile, con un tempo variabile che non permette di fare previsioni sulle condizioni al momento della gara. Di sicuro l’abilità alla guida sarà importante e Diego Testa punta anche su questo per riuscire a conquistare il primo successo dell’anno. In gara a Nettuno ci sarà anche il secondo scafo del team, sponsorizzato da Antonio&Antonio e da Gusto&Gusto, con a bordo Giovanni Di Meglio e Fulvio De Simone.

Il programma del Gran Premio di Nettuno prevede sabato, dalle 11 alle 13, le prove libere, mentre domenica la gara partirà alle ore 11,45. Il percorso di gara prevede un giro di lancio di 6,3 miglia e dieci giri di 4,5 miglia, per un totale di 51,40 miglia.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©