Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Monti: "Entrambi a disposizione della squadra"

Oggi a Settimana Azzurra: “Pocho e Quagliarella non sono prime donne”


.

Oggi a Settimana Azzurra: “Pocho e Quagliarella non sono prime donne”
12/11/2009, 14:11

NAPOLI - Prove tecniche anti-Lazio in casa azzurra. Walter Mazzarri dovrà fare a meno dello squalificato Aronica e, anche se la sfida è lontana, sta pensando all’utilizzo di Zuniga.
“Un investimento importante della società – sottolinea Gianluca Monti, giornalista del Napoli, nel corso di Settimana Azzurra – c’è l’opzione Rullo, che in quel ruolo è più congeniale. E Grava, che sembra un fedelissimo di Mazzarri. Dalle parole del tecnico, però, dovrebbe essere scelto Zuniga”.
Ipotesi Datolo scartata? “Il mister è stato chiaro dopo Torino (Datolo è entrato proprio in quel ruolo) è una soluzione che Mazzarri ama utilizzare a partita in corso. Dall’inizio è improponibile, anche per una questione di equilibri. Tridente con Denis-Quagliarella-Lavezzi? Mazzarri ha sottolineato che è difficile permetterselo”.
Restando in tema attacco, si torna su Quagliarella oramai sereno e rilassato anche dopo il chiarimento con il mister. “Quagliarella è più sereno. La ripresa degli allenamenti ha riportato tranquillità anche perché ha parlato con Mazzarri e lo farà anche con i compagni. Deve solo stare tranquillo e non pensare per forza a fare gol. Avrebbe bisogno di fortuna e di affinare quei movimenti di attacco fondamentali. Hamsik e Lavezzi, che agiscono alle sue spalle, hanno caratteristiche diverse ai compagni di Udine. Ieri Mazzarri ha chiarito che troppo spesso il Pocho cerca la giocata in verticale per Quagliarella. Non ci si deve intestardire”.
Il feeling tra i due è ottimo, almeno dal punto di vista caratteriale. Devono solo trovarsi tatticamente?: “Lavezzi-Quagliarella non è una coppia che vorrebbero tutti, però, il problema è solo tattico non caratteriale. Non sono due prime donne. Entrambi adorano mettersi al servizio della squadra. Il rapporto tra loro è buono”.

Commenta Stampa
di Francesca Fortunato
Riproduzione riservata ©