Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Oltre 180 piloti e gare spettacolari al Circuito di Siena per la terza prova del Campionato Italiano CSAI Karting


Oltre 180 piloti e gare spettacolari al Circuito di Siena per la terza prova del Campionato Italiano CSAI Karting
30/07/2013, 10:59

Castelnuovo Berardenga (Siena), 28 luglio 2013 – Le premesse di una terza prova di Campionato altamente spettacolare c’erano tutte, e in effetti lo show non è davvero mancato sul Circuito di Siena perquesto appuntamento che ha rappresentato il giro di boa della stagione dopo le prime due prove di Sarno e Sant’Egidio alla Vibrata.Con 181 piloti verificati e il gran pieno nelle due categorie più numerose come la 60 Mini, con ben 59 piloti, nuovo record della stagione, e i 47 piloti della KZ2, hanno contato su una buona affluenza anche la KF3 con 38 piloti, la KF2 con 22 e la nuova Formula 16 ACI-CSAI con 15 piloti.Spettacolo assicurato quindi, a partire dalla categoria più prestazionale, la KZ2, che ha conosciuto anche il brivido di una multipla e paurosa carambola alla partenza di Finale-2 anche se per fortunasenza nessuna conseguenza di rilievo per i piloti.Intanto, a conquistare la prima delle due Finali della KZ2 è stato un super Mirko Torsellini, pilota ufficiale della Tony Kart che ha voluto onorare con la sua presenza questo appuntamento che si èsvolto sul circuito di proprietà della famiglia. Scattato dalla prima fila,Torsellini si è portato subito al comando prendendosi anche la soddisfazione di andare a vincere con un buon vantaggio. Coinvolti in un incidente Loris Spinelli (CRG-Tm) e Antonio Piccioni (Intrepid-Tm) mentre si trovavano in seconda e terza posizione. Alle spalle di Torsellini si sono così piazzati il poleman Tommaso Marconi (First-Tm) e Alessandro Giulietti (Intrepid-Tm). Ottimo il quarto posto di Simone Brenna (TBkart-Modena) davanti a Marco Pastacaldi (Birel-Tm) e Sauro Cesetti (Top Kart-Tm).La seconda Finale ha vissuto attimi di paura quando in partenza Massimo Dante (Maranello-Tm) ha sbandato sul prato e poi ha tagliato di traverso la pista mentre arrivavano tutti gli altri concorrenti. A farne le maggiori spese sul momento sono stati soprattutto il suo compagno di colori Enrico Bernardotto (Maranello-Kart) che si è capottato e Giorgio Mandozzi (Top Kart-Tm) che gli è rovinato addosso. Alla fine però solo un grande spavento e nessuna conseguenza per i piloti, subito soccorsi dal personale medico. Dopo l’interruzione, la gara è ripresa premiando questa volta Tommaso Marconi, che sebbene penalizzato dalla griglia invertita nelle prime 8 posizioni, è stato capace di recuperare bene e di vincere davanti a MassimoMazzali (Art GP-Tm) e Antonio Piccioni. Giulietti ha concluso quarto, Torsellini quinto. Dante con un sesto posto ha mantenuto la testa della classifica con 7 punti di vantaggio su Pastacaldi.In KF2 chi con questa prova di Siena si è proposto fra i maggiori protagonisti del campionato è Luca Corberi (Kosmic-Vortex), vincitore della prima finale con un gran margine sugli avversari. Al secondo posto si è piazzato il leader della classifica, il francese Julien Darras (Tony Kart-Tm) e al terzo Paolo Ippolito (Birel-Tm).Quarto ha concluso Marco Moretti (Kosmic-Tm) davanti a Callum Ilott (Zanardi-Tm) e Stefano Cucco (Intrepid-Tm). Nella seconda finale Darras, per la griglia invertita è riuscito a rimontare bene e a portarsi in testa vincendo su Marco Moretti che ha vissuto di nuovo finalmente la gioia del podio. Dal terzo gradino è sceso però Ippolito, punito dai commissari per comportamento scorretto insieme a Cucco, entrambi penalizzati di 10 secondi. Terzo è quindi diventato Corberi, che si è portato quarto in campionato con 99 punti preceduto da Darras con 152, Moretti 106 e Ilott 100, quest’ultimo costretto al ritiro in gara-2.In KF3 Leonardo Pulcini (Tony Kart-Vortex) ha dominato la prima finale, davanti al capoclassifica Alessio Lorandi (Tony Kart-Parilla) e il russo Robert Shwartzman (Tony Kart-Tm). La seconda finale è stata molto più movimentata, con Remigio Garofano (Tony Kart-Lke) settimo in gara-1 che grazie alla griglia invertita si è subito trovato fra i protagonisti di testa in gara-2 dove ha concluso appunto con il primo posto, davanti all’altro russo Nikita Mazepin (Tony Kart-Vortex) che si era piazzato quarto in gara-1. Sul podio ancora Pulcini, terzo, che ora si è portato a soli due punti da Alessio Lorandi, ancora leader di classifica con il quarto posto ottenuto in gara-2.Nella 60 Mini la prima finale molto vivace ha visto la vittoria andare all’indonesiano con licenza italiana Prassetyo Hardja, in forza alla Baby Race e alla sua prima partecipazione al Campionato Italiano. Il giovane pilota indonesiano, festeggiatissimo sul traguardo dal suo gruppo di accompagnatori, ha preceduto sul traguardo di gara-1 il polacco della BirelLukas Podobsky e Giuseppe Fusco (Lenzo-Lke). Quest’ultimo è stato poi autore di una bella gara nella seconda finale pur tuttavia macchiata da una irregolarità commessa nei confronti di Leonardo Marseglia (Top Kart-Parilla) a un giro dal termine. Il traguardo Fusco lo ha tagliato al primo posto precedendo in volata Nicola Abrusci (Tony kart-Lke) e Lorenzo Colombo (Top Kart-Lke), poi però icommissari lo hanno penalizzato di 10 secondi per la manovra su Marseglia ritenuta scorretta. La classifica è quindi cambiata con Abrusci e Colombo al primo e secondo posto, mentre Podobsky ha rilevato la terza posizione, Hardja la quarta e Muizzuddin (CRG/Hero-Lke) la quinta. Su questo nuovo ordine d’arrivo grava tuttavia un appello interposto da Fusco, e la classifica è sub-judice.In campionato Fusco, nonostante la penalizzazione, mantiene la testa della classifica con 2 punti di vantaggio su Abrusci e 16 su Colombo.La categoria dei più piccoli, la nuova Formula 60 ACI-CSAI per bambini da 8 a 10 anni, ha visto la vittoria andare in gara-1 a Santo Macaluso, anche grazie a un contatto in conclusione di gara fra Matteo Roccadelli e Francesco Crescente. Macaluso sul traguardo ha così preceduto Alessandro Dal Ferro e Gabriele Aiello. Nella seconda gara è stato Raccadelli ad imporsi precedendo questa volta con un buon margine Crescente e Etienne Linty che si è piazzato al terzo posto. In campionato è Macaluso (settimo in gara-2) ad essere andato in testa con 5 punti di vantaggio su Roccadelli.Prossimo appuntamento a Lonato il 15 settembre per la terza e ultima prova della Formula 60 ACI-CSAI e penultima prova di tutte le altre categorie. Nell’occasione l’organizzazione del South Garda Karting proporrà nella manifestazione anche una doppia gara di contorno con la Prodriver AM e PRO.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©