Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LUI, LEI E L'ALTRO...

Ora tocca a Mazzarri: sarà un Napoli Magnifico?


Ora tocca a Mazzarri: sarà un Napoli Magnifico?
14/06/2012, 11:06

Lui, lei e… l’altro! Sembra il titolo di un film su di un intrigo amoroso e, infatti, poco ci manca...
Il protagonista è Lorenzo Insigne, detto “il Magnifico” (Lui), poi c’è l’ambitissima maglia azzurra (Lei) e l’elemento che può determinare la riuscita o l’interruzione della relazione sentimentale: Mazzarri (L’altro).
Si, perché da ieri è ufficiale: il folletto cresciuto nel vivaio del Napoli potrà coronare il suo sogno: vestire la maglia della sua squadra del cuore. Inizialmente, almeno.
Tra Lui e Lei, come si diceva, c’è l’altro. Spetterà a Mazzarri, infatti, scegliere se far proseguire questa storia o se interromperla, magari rimandandone l’inizio di un anno. Sarà il tecnico toscano, dopo aver attentamente visionato da vicino le qualità di Insigne, a decidere se affidargli lo scettro del “nuovo Lavezzi” o meno.
De Laurentiis, dal canto suo, non ha dubbi: sarà il Magnifico a sostituire il Pocho. Tecnicamente e nel cuore dei tifosi. Un pensiero dettato dalla stagione straordinaria di Lorenzino, ma anche dal portafoglio. E’ innegabile, infatti, che la tentazione sia molto ma molto forte: cedere l’argentino per 30 milioni e rimpiazzarlo con un gioiellino “fatto in casa”. Un’opportunità incredibile, che il patron del club partenopeo non vuole farsi sfuggire.
Vuole provarci, quantomeno. E come si fa a dargli torto, considerando le qualità di Insigne, la somiglianza tecnica con Lavezzi e, soprattutto, il rendimento offerto negli ultimi mesi del ventunenne  di Frattamagggiore?
Ecco che, allora, l’altro (Mazzarri) si troverà “con le spalle al muro”. Perché tra lui e lei (Insigne e la maglia azzurra) l’amore sembra deciso a sbocciare, con la benedizione di “papà Aurelio”.
Riuscirà il folletto, che ha strabiliato Pescara, a convincere il tecnico e a conquistare la sua bella? Solo il tempo lo dirà. Sperando che sia un Napoli Magnifico…

Commenta Stampa
di Pietroalessio di Majo
Riproduzione riservata ©