Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Ottimo esordio al C.I.V. di Riccardo Russo nella classe 125 Gp


Ottimo esordio al C.I.V. di Riccardo Russo nella classe 125 Gp
21/04/2009, 11:04

Il Campionato Italiano Velocità ha preso il via, e uno dei protagonisti della classe 125 Gp è stato il casertano Riccardo Russo, che nella gara d’esordio ha colto un incoraggiante sesto posto. Già dalle prove del giovedì Russo ha girato forte, facendo registrare tempi che sono di solito di piloti scafati, e non di debuttanti. Se il nono posto in griglia di partenza lasciava presagire una buona gara, la sesta posizione alla bandiera a scacchi è stata una piacevole sorpresa: “Ero molto teso – confessa il sedicenne – ma gli uomini del team mi sono stati vicini, e mi hanno aiutato a vincere l’emozione. Appena salito in sella alla mia Aprilia, mi sono sentito a mio agio, e solo la pioggia mi ha rallentato nella messa a punto. Le qualifiche le ho concluse con il nono tempo, e questo mi ha riempito d’entusiasmo. Finalmente scatta il semaforo verde, e dopo la prima curva ero quinto. La moto era perfetta, e giro dopo giro mi sono ritrovato al terzo posto. Al decimo passaggio i veterani Riccardo Moretti e Marco Ravaioli mi hanno superato, e alla dodicesima tornata ha iniziato a diluviare. La moto da equilibrata è diventata ingestibile, e così sono scivolato. Con me sono caduti anche altri piloti, e questo ha spinto la direzione gara a sventolare la bandiera rossa, e a ritenere conclusa la prova. Questo mi ha permesso d’essere recuperato per la classifica finale, e di concludere in sesta posizione”. Chi bene inizia è alla metà dell’opera, e Russo ha tutte le carte per essere il migliore rookie della stagione: “Sono contento – dice il talento di Casaluce – perché dentro di me speravo d’essere competitivo già dalle prime battute. Ringrazio i ragazzi del team Ellegi Racing, fantastici nel settare la moto. Un ringraziamento va anche alla mia famiglia, ed in particolare a mio padre Antonio, il primo a credere nelle mie potenzialità”.

Commenta Stampa
di Alfredo di Costanzo
Riproduzione riservata ©