Sport / Pallanuoto

Commenta Stampa

Pallanuoto Coppa Italia Final Eight: finali 5° e 7° posto


Pallanuoto Coppa Italia Final Eight: finali 5° e 7° posto
05/04/2012, 12:04

Finale 5° posto

CAMOGLI-ORTIGIA 9-11 (2-1, 3-2, 2-3, 2-5)

Camogli: Ferrari, Morena 1, N. Presciutti 1, Luongo 3, Fondelli 2, Bruni, Valentino, Steardo, Sukno, Nikic, Astarita 1, Sadovyy 1, Gardella. All. Nikolic.

Igm Ortigia: Patricelli, Longo, Pesenti 1, Zimonjic 1, Di Luciano, Napolitano, Polifemo, Dogas 3, Cotella, Casasola, Rath 2 (1 rig.), Suti 4, Puglisi. All. Baio.

Arbitri: Alfi e Calabrò.

Superiorità numeriche: RN Camogli 5/9, IGM Ortigia 3/8 + un rigore trasformato.

Note: uscito per limite di falli Cotella (O) nel quarto tempo. Patricelli (O) ha parato un rigore a Sadovyy a 3'30 del quarto tempo, sull'8-8. Gardella (C) ha sostituito Ferrari nel terzo tempo.

NAPOLI - L'Igm Ortigia con un'ottima seconda parte di gara conquista il quinto posto. Nella prima frazione di gioco a fare la differenza è un gol in superiorità numerica di Astarita: il mancino, tutto solo davanti a Patricelli, non ha difficoltà a battere l'estremo difensore biancoverde, che poco prima aveva impedito il vantaggio bianconero con una gran parata. E' Ferrari, invece, a mettersi in evidenza nella seconda frazione. Grazie alle sue parate, e ad un gol divorato da Napolitano solo davanti al portiere bianconero, il Camogli allunga e chiude il parziale con un +2 (5-3). Bene in fase di conclusione Stefano Luongo.

Nella terza frazione c'è Gardella tra i pali del Camogli. Arriva il +3 bianconero, lo segna Nicholas Presciutti, poi l'ottimo Suti s'incarica di avvicinare sensibilmente i suoi (7-6). Con questo risultato si chiude la terza frazione. Nel quarto tempo Teo Dogas, approfittando anche di leggerezze difensive bianconere, porta il punteggio in equilibrio (8-8). Patricelli, anche oggi in gran forma, para a Sadovyy il rigore del possibile nuovo vantaggio bianconero. Sul capovolgimento di fronte ancora Suti porta per la prima volta l''Ortigia avanti nel punteggio (8-9). L'ungherese, bravissimo anche nei recuperi difensivi, azione poi il contropiede che permette a Dogas di allungare (8-10). In fine è Zimonjic ad assicurare il successo ai suoi replicando al provvisorio gol del 9-10 di Luca Fondelli.

***
Finale 7° posto

NERVI-CIVITAVECCHIA 14-5 (6-3, 1-1, 4-0, 3-1)

Ellevì Nervi: Dinu, Ravina, Brambilla 3, Temellini 4, Markovic, Amelio, Marziali 4, Chirico, Lanzoni, Popovic, Cesini 3. All. Ferretti.

Enel Civitavecchia: Visciola, Simeoni, Buffardi, Rinaldi 1, Lisi, Draskovic 1, Chiarelli, Romiti, Foschi 3 (1 rig.), Di Rocco, Visciola. All. M. Pagliarini.

Arbitri: Pascucci e Petronilli.

Superiorità numeriche: Ellevì Nervi 5/7, Enel Civitavecchia 2/11 + un rigore trasformato e un altro sbagliato.

Note: usciti per limite di falli Lisi (C) e Lanzoni (N) nel quarto tempo. Espulsi con sostituzione Popovic (N) e Buffardi (C) a 7'05 del secondo tempo. Romiti (C) ha colpito il palo su rigore a 4' del terzo tempo, sull'8-4. Visciola (C) ha sostituito Sefik a inizio terzo tempo. Ammonito Ferretti (all. Ellevì Nervi) per proteste nel quarto tempo.

NAPOLI - L'Ellevì Nervi vince nettamente la finale per il settimo posto. Nella prima frazione di gioco la squadra di Ferretti riesce a guadagnare un buon vantaggio soprattutto in controfuga, soprattutto per merito di un giovane (Alessandro Brambilla) e di un meno giovane ma sempre in gambissima, Angelo Temellini. Bella la seconda rete personale di Foschi che chiude il parziale sul 6-3. Sempre Temellini s'incarica di portare a +4 il vantaggio bluarancio nella seconda frazione, poi è la volta di Marziali a propiziare l'ulteriore allungo della squadra di Ferretti, che gioca benissimo. In evidenza anche Dinu nella formazione bluarancio. Espulsi Popovic e Buffardi protagonisti di un battibecco sotto la porta del Civitavecchia.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©