Sport / Vari

Commenta Stampa

Pallavolo, la Gaya Energy Napoli incontra Reggio Calabria


Pallavolo, la Gaya Energy Napoli incontra Reggio Calabria
25/11/2011, 16:11

Dopo due trasferte consecutive ritorna a giocare fra le mura amiche la Gaia Energy Napoli. Domani sera (sabato 26 novembre) alle ore 18.30 al PalaVesuvio di Ponticelli, nella palestra Meriggioli (ingresso gratuito), arriva il MyMamy Reggio Calabria. La formazione di Michele Romano dovrà scendere in campo concentrata per non lasciare nemmeno un punto ai giovanissimi ragazzi calabresi.

Ecco come il coach calabrese Fernando Centonze presenta la sua squadra: “Quest’anno abbiamo puntato sui giovani per farli crescere. Il roster è composto da ragazzi dai 15 ai 19 anni con nessuna esperienza in ambito regionale. E’ normale che lo paghiamo nel girone C che ha un livello alto. Paghiamo l’approccio alle gare: scendere in campo sereni contro super avversari è difficile. Devono provare a giocare serenamente e qualcosa di meglio potremmo fare. La salvezza? E’ ancora possibile. C’è lo scontro diretto con il Gaeta. Comunque è la nostra ultima preoccupazione perché il regolamento ci consente d’essere la prima candidata al ripescaggio”.

L’ultimo pensiero è per la Gaia Energy Napoli: “E’ una buona squadra. Ha degli elementi importanti. Conosco solo l’opposto Dal Molin ed i 2 centrali Benaglia e Minenna, ma ho visionato diversi video per scoprire gli altri. Hanno grandi doti fisiche e tecniche. La squadra può puntare ai primi 3 posti”.

Per la squadra napoletana prende la parola Maurizio Giancarli: “I calabresi non ci sembrano insuperabili. Auguriamo loro di raggiungere la salvezza”.

Sulla stranezza di questo campionato zoppo ad entrambe le gambe ecco il suo pensiero: “Effettivamente è un caso particolare questa lunga pausa. Il girone d’andata è quasi finito, ma possiamo dire che abbiamo dimostrato d’avere i mezzi tecnici ed organizzativi per affrontare questa B1. Ci sono ancora 4 gare utili per rimanere attaccati ai quartieri nobili della classifica. Il salto dalla B1 alla A2 è complesso abbastanza. Deve essere formata la dirigenza, le infrastrutture, la squadra. Ci crediamo, punteremo ai play off ed eventualmente a vincerli. Poi dipende da tutto il resto”.



Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©