Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LA FIDUCIA

Pandev: "Due colpi e siamo da scudetto"


Pandev: 'Due colpi e siamo da scudetto'
28/06/2012, 16:06

Calcidica, Macedonia centrale, Grecia moderna che ha il sapore della storia antica e della tradizione. Da queste parti ogni pietra ha qualcosa da raccontare, qualcosa da dire, e il mare incontaminato è ancora un segreto per i conquistatori con la t-shirt. Turismo selezionato, si potrebbe dire: esclusivo, per chi conosce la terra che secoli fa apparteneva alla Tracia e che ha cullato Alessandro Magno. Il Macedone. Un'altra Macedonia, certo, ma l'ispirazione è quella. La stessa di Goran Pandev, macedone moderno che, d'estate, si tuffa in queste acque limpide alla riscoperta delle origini. Sì: è qui, sulle bianche spiagge della penisola che in lingua si chiama Halkidiki, che l'attaccante azzurro passeggia come un padre qualunque, rigenerandosi in vista della nuova stagione. Quella della svolta: dopo la cessione di Lavezzi e l'investitura di Mazzarri, che ne ha preteso l'acquisto definendolo "la prima pietra, la base del nuovo corso", toccherà a lui prendere per mano il Napoli. Timori? Macchè. Soltanto un sogno: conquistare lo scudetto. E allora, l'incontro con Goran il conquistatore. Goran Magno.
Pronti?
"Prontissimi. Visto come sono rilassato?"
E anche felice: il ritorno, cioè la permanenza nel Napoli, il matrimonio in chiesa con la sua Nadica e ora questo viaggio di nozze-vacanza con la famiglia.
"Sì, è un momento in cui sono sereno e contento. Mi sto godendo i bimbi e mia moglie, il mare e il sole. E ho staccato completamente la spina del calcio".
Niente foto, autografi e domande selvagge?
"No, macchè. Non ho incontrato tifosi napoletani, ma del resto queste spiagge non le conosce nessuno: io ci vengo spesso, sono a un passo da casa mia. Credo sia il posto ideale per rilassarsi".
E al Napoli non pensa mai?
"Sempre. Certo. Sono molto, molto felice di essere rimasto: l'avevo detto anche a Mazzarri, a fine stagione, che mi avrebbe fatto piacere restare. E così, quando mi hanno chiamato ci ho messo un attimo a decidere".
Cosa le hanno detto per convincerla?
"Sia il presidente De Laurentiis, sia Mazzarri e Bigon mi hanno confermato che il Napoli vuole continuare a crescere. Soprattutto dopo la vittoria della Coppa Italia".
Argomenti importanti.
"Sì, fondamentali per me: è vero che nella mia carriera ho vinto tanto, ma voglio continuare con la maglia azzurra. I tifosi lo meritano, sono meravigliosi: la festa per la Coppa Italia è indimenticabile, mamma mia... Non oso immaginare cosa accadrebbe, se arrivasse qualcos'altro".
Tipo?
"Lo scudetto. Io credo che con un paio di acquisti di valore ed esperienza sia possibile. Possiamo farcela: il Napoli è già forte e il gruppo è eccezionale. Ho vissuto Lazio e Inter, ma uno spogliatoio così unito non l'ho mai visto: quando ci mettiamo in testa una cosa, riusciamo sempre a raggiungere l'obiettivo. La Coppa Italia è l'esempio: dopo aver perso la Champions, la volevamo a ogni costo".
Vada per scudetto e ritorno immediato in Champions, allora.
"Eh, speriamo, magari. Ripeto, è la città a meritare queste gioie e questi palcoscenici. Il club ha voglia di crescere, il presidente e Mazzarri hanno tanta carica dentro".
E lei? Dopo la cessione di Lavezzi le toccheranno gli straordinari.
"Io ho tanta esperienza da mettere al servizio del gruppo. Tutto qua. Non sono il leader, è il gruppo a esserlo".
Quanto mancherà il Pocho?
"Molto. Lui è un grande. Un campione e anche una persona eccezionale: ci sono pochi giocatori come lui in giro. Napoli non deve avercela con Lavezzi, anzi: deve continuare a volergli bene".
Ha qualche consiglio per gli acquisti da dare?
"No, assolutamente. La società sa benissimo cosa fare. Posso solo ribadire che, con un paio di giocatori bravi e di esperienza possiamo puntare allo scudetto".
L'unico messaggio in bottiglia lanciato nel mar Egeo?
"Beh, una considerazione. Chiunque verrà dovrà avere il nostro stesso orgoglio: il Napoli è una grande squadra, importantissima, non una qualsiasi. Per indossare la maglia azzurra bisogna avere fierezza e un'immensa voglia di vincere. Bisogna capirlo e saperlo".
Il primo impegno ufficiale è in programma l'11 agosto a Pechino, in Supercoppa con la Juve. Lei ne ha già conquistate due, con Lazio e Inter...
"Daremo il massimo, come sempre, per vincere ancora".
Per l'appunto. Non fa che coniugare questo verbo.
"Ho firmato per tre anni, sono rimasto per questo e ci credo".
Sta sentendo i suoi compagni di squadra?
"Sì, qualche sms con Cannavaro e Inler. E poi ho fatto gli auguri a Dossena, che è diventato papà, e a tutti i ragazzi che in questi in giorni hanno festeggiato il compleanno".
Il 9 luglio si parte: raduno e ritiro a Dimaro. Si sta tenendo in forma?
"Altrochè, i miei due figli mi fanno fare molta ginnastica! Non vedo l'ora di cominciare".

Fonte: Corriere dello Sport

Commenta Stampa
di Marco Marino
Riproduzione riservata ©