Sport / Calcio

Commenta Stampa

Paoloni:"Dipinto come un assassino, sono innocente"


Paoloni:'Dipinto come un assassino, sono innocente'
01/08/2011, 11:08

Marco Paoloni racconta la sua verità sul calcio scommesse. Nel corso di una conferenza stampa tenuta a Civitavecchia assieme ai propri avvocati, l'ex portiere di Cremonese e Benevento ha raccontato ''la mia verita' ''. ''Per me e' stato un incubo, ho passato 17 giorni in carcere e 23 ai domiciliari, e' stata una esperienza molto dura - ha confessato Paoloni -. Paura del processo sportivo e penale? Sono sereno, ottimista. Le accuse non mi appartengono. Combattero' e mi difendero'. E se ci sara' una squalifica non sara' un problema. E' vero che mi preme tornare a giocare, ma soprattutto tutelare la mia immagine, infangata da questa vicenda. Voglio che venga riabilitata la mia immagine. Mi hanno attribuito cose che non fanno parte della mia persona. Non mi sono mai venduto partite, non ho mai fatto male a nessuno. Mi hanno dipinto come un assassino: Marco Paoloni l'avvelenatore, il truffatore, lo scommettitore, il corrotto. Spero che col tempo possa venir fuori la vera figura di Paoloni, dipinta falsamente. Marco Paoloni prende la ha parlato a 48 ore dall'avvio del processo sportivo davanti alla Commissione disciplinare per difendersi dalle accuse scaturite dall'inchiesta 'Last Bet' della procura di Cremona.

Commenta Stampa
di Massimo La Porta
Riproduzione riservata ©