Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LA TATTICA

Parma - Napoli, la partita alla lavagna


Parma - Napoli, la partita alla lavagna
04/03/2012, 03:03

Continuare a far punti per non arrestare la corsa champions. Con questo spirito il Napoli affronta il Parma di Donadoni pronto a tirare un brutto scherzo alla sua ex squadra. Gli azzurri dovranno scendere in campo concentrati, cosa che non sempre  hanno fatto negli scontri con le "piccole" e stare attenti a tutti gli imprevisti che una sfida alle 12.30 ed i viaggi all'esterno di tutti i nazionali possono riservare. Proprio a causa degli impegni dei nazionali, probabile che l'allenatore azzurro decida di fare un pò di turn over.
L'ex allenatore del Napoli e della nazionale metterà i suoi in campo con una schema speculare a quello di Mazzarri, 3-5-2, con Giovinco ed Okaka in avanti vista l'indisponibilità di Floccari. Difficilmente i ducali faranno la partita ma si chiuderanno a riccio, grazie al folto centrocampo, per non concedere spazi ai tre tenori azzurri e poi ripartire con Giovinco e Biabiany, di sicuro gli uomini più rapidi e pericolosi. Vista la velocità degli avanti di Donadoni, Giovinco su tutti, probabile che Mazzarri decida di schierare Grava in difesa, con Cannavaro e Britos, forse l'unico tra i difensori del Napoli a potersela giocare in velocità con il fantasista della nazionale. Dossena invece dovrà fare molta attenzione alle discese del francese, di certo gli servirà aiuto da parte dei centrocampisti e da uno dei tre tenori. Sull'altra corsia invece Maggio, che dovrà vedersela con Modesto, vincendo il duello con l'esterno avversario potrebbe risultare decisivo per l'andamento della partita. Da quando l'esterno della nazionale è tornato quello di inizio campionato tutta la squadra sembra trarne giovamento.
In casa azzurra Lavezzi, con la sua abilità nel saltare l'uomo, è l'unico in grado di scardinare il muro ducale e creare quella superiorità numerica e quegli spazi fondamentali per gli inserimenti degli altri azzurri.

 

Commenta Stampa
di Marco Marino
Riproduzione riservata ©