Sport / Calcio

Commenta Stampa

L'ad crociato parla del momento dei gialloblù

Parma, Leonardi: «Abbiamo una rosa competitiva»


Pietro Leonardi
Pietro Leonardi
08/10/2013, 11:10

PARMA - «Se la squadra fa risultati nonostante le assenze pesanti è merito della competitività della nostra rosa. L'ho sempre detto che per noi questo era un punto di forza e i fatti lo stanno dimostrando». L'amministratore delegato del Parma, Pietro Leonardi, parla del buon momento della squadra di Donadoni, di mercato e del trofeo del Centenario di domenica prossima al Tardini. La sosta permetterà all'ex ct azzurro di recuperare al meglio Amauri, ormai vicino al rientro anche se in queste settimane il tandem Palladino-Cassano ha funzionato. «Averne di questi problemi, ora come ora non ci sono titolari quindi anche lui dovrà conquistarsi il posto ma non dimentichiamo nel dare giudizi cosa ha fatto Amauri per il Parma». Ottimo fin qui il campionato di Biabiany, vittima di un infortunio con il Sassuolo. «Ha rimediato una distorsione al ginocchio deve fare nuovi esami. Un interessamento per lui della Juve? Invece di continuare a chiedere a noi domandate a Marotta e chiudiamo il cerchio», ha tagliato corto Leonardi che ha poi parlato della trasferta a Verona contro l'Hellas, dopo la sosta per le nazionali. «Sarà una gara difficile contro una squadra che ha anche l'entusiasmo della neopromossa». Infine la giornata al Tardini per il centenario di domenica: «È la festa dei tifosi, sarebbe brutto non avere uno stadio colmo di gente. Sono felice per la grande prova di Giovinco contro il Milan. Rosi? Ha voluto fortemente il Parma ed è attaccatissimo alla maglia».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©

Correlati

13/10/2013, 17:35

Festa dei 100 anni del Parma