Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Pedullà: "Per Jovetic non c'è nulla"


Pedullà: 'Per Jovetic non c'è nulla'
22/07/2011, 12:07

Nel bel mezzo della festa Napoli a Dimaro, l’incontenibile De Laurentiis ha afferrato il microfono, avrebbero dovuto pagare il prezzo del biglietto. Aurelio si è concesso alla platea e ha sentenziato: "Se pagano la clausola e ci portano via Lavezzi, vorrei Jovetic". Bim-bum-bam: fuochi d’artificio. E una serata normale di calcio-mercato si è trasformata in una processione di verifiche, smentite, mezze ammissioni e piccole-grandi bugie. Calma, riflettiamo.

Capitolo Lavezzi. Il Pocho sa che il City potrebbe versare 32 milioni e portarselo via. Il Pocho sa anche che per il City non è la priorità, Mancini ha ordinato di acciuffare Aguero. Entrambi? Nulla escludo, ma è quasi impossibile con quell’infinito parco attaccanti a disposizione di Robi. Domanda: il City potrebbe presentarsi a casa De Laurentiis con 32 milioni cash, ma Lavezzi sarebbe contento di finire in Inghilterra? Mah, diciamo la verità: più no che sì. Non è una destinazione che gli fa perdere il sonno dalla voglia. Napoli è Napoli, agli amici ha detto che andrebbe via – un giorno - per la Spagna. Lavezzi è un introverso che ama la gente calda: cosa ci farebbe a Manchester? Magari gli mettono un ricco contratto sotto il naso: aspettiamo, nulla è escluso. Ma perdere Lavezzi per il Napoli sarebbe devastante.

Capitolo Jovetic. De Laurentiis ha aperto la porta: non c’è trattativa, è un’idea, sarebbe il sostituto naturale perfetto. Ma, attenzione, bisogna fare i conti con la Fiorentina. Una Fiorentina in difficoltà, alle prese con troppi problemi. E siccome non c’è clausola, non esiste l’equazione: mi portano via Pocho con la clausola e io ne utilizzo un’altra per soffiare Jovetic ai Della Valle. Quindi, toccherebbe alla Fiorentina tirare le somme. E dubito fortemente che, in questo clima di profonda depressione dei tifosi viola, la Fiorentina decida di accettare una grande offerta. De Laurentiis s’è portato avanti con il lavoro, ma su Jovetic la vedo dura.

In attesa di capire il futuro di Lavezzi, emerge la figura di quel califfo di Carlitos Tevez. In vacanza in Sardegna, con tanto di sorprendente pancetta, dove – non tanto casualmente – c’era Marco Branca. Già, Tevez è un vecchio pallino di Moratti. E se uno tra Aguero e Lavezzi entrasse in casa City, Tevez dovrebbe uscire. Ammesso che non esca a prescindere. Buttiamo un occhio sull’Inter: magari non adesso, piuttosto tra qualche settimana. Quando il cartellino di Carlitos potrebbe sgonfiarsi di parecchi milioni.

Fonte: Alfredo Pedullà per DataSport.it

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©