Sport / Calcio

Commenta Stampa

L'esterno bianconero al rientro

Pepe: "Spero che la maledizione sia finita"


Simone Pepe, al rientro in campo ieri sera
Simone Pepe, al rientro in campo ieri sera
19/12/2013, 09:50

TORINO. Alla fine della partita i tifosi dell'Avellino applaudono la squadra. Un'immagine rara di un calcio che giorno dopo giorno combatte con le malattie che la tormentano da tempo. Tra razzismo, combine e scommesse, la foto dei supporters biancoverdi rallegra la serata dello Juventus Stadium. Chi non è allegro nonostante la vittoria da carrarmato è Antonio Conte, che non ha rilasciato alcuna dichiarazione post-gara. Facile che si senta risentito per l'accostamento del suo nome al nuovo caso di calcioscommesse. Ai microfoni Rai si presenta invece Simone Pepe, al rientro questa sera allo Stadium dopo un lunghissimo infortunio. "Speriamo che la maledizione sia finita - dice l'esterno bianconero -. E' stato un anno e mezzo difficile sembrava che non riuscissi a uscirne e invece adesso sembra tutto ok. Il problema era davvero grave. In questo periodo ho visto da spettatore una buonissima Juventus, ho visto in pratica tutte le partite, una Juve solida. Sto lavorando durissimo per ritrovare la forma ottimale. Sto facendo tanto lavoro fisico, tanta palestra, faccio tutto questo per tornare protagonista nella Juventus. Per i Mondiali chi vivrà vedrà". Quanto al campionato, con la Juve a +5 sulla Roma e lo scontro diretto dopo la sosta natalizia, Pepe è sicuro che "non si risolverà tutto in quella partita, è una corsa molto aperta. E poi c'è l'Europa League che è un obiettivo in più".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©