Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Perillo: "Ruiz ha ballato la samba contro Nilmar"


Perillo: 'Ruiz ha ballato la samba contro Nilmar'
25/02/2011, 14:02

"Non me ne voglia nessuno se provo sempre a scrivere ciò che penso. Il fatto che sia tifosissimo del Napoli non mi può vietare di svolgere con obiettività il mio compito di giornalista. Lo dico perché, a cinquant'anni quasi suonati e dopo un trentennio (sic) di professione, l'anello al naso non me lo tengo. Ruiz(nella foto Calcionapoli) ha tutte le carte in regola per essere un ottimo giocatore e si vede lontano un miglio che ha ottima struttura fisica e buona tecnica di base. Ma la sua partita contro il Villarreal è stata pessima. Mazzarriha parlato di "ottima prestazione"? Il tecnico azzurro non poteva dire diversamente di fronte al debutto del difensore che, a giusta ragione, tanto ha voluto assieme al diesse Bigon sul mercato di gennaio. Ma lo spagnolo ha ballato la samba contro Nilmar, che gli ha fatto vedere i sorci verdi, ha segnato entrando proprio nella sua zona difensiva, gli ha fatto rimediare un giallo e lo ha spinto a compiere altri falli. In più ho notato che dopo un inizio piuttosto diligente, Ruiz è andato più volte da solo in pressing sugli avversari, lasciando scoperto il suo lato, tanto da costringere il povero Campagnaro ad un paio di interventi quasi da kamikaze in piena area di rigore. A Ruiz ho dato 5 in pagella. Non vedo l'ora di assegnargli i 7 e gli 8. E sono convinto che ciò avverrà, anche se vorrei rivederlo per valutarlo meglio sul piano della velocità (mi sembra che abbia il passo un po' lento). Ma il suo esordio in azzurro non è stato certo brillante. Il nazionale under 21 iberico deve ancora assimilare la precisione e i tempi del meccanismo difensivo "a tre". Non sarà un caso se Mazzarri, un autentico perfezionista, lo abbia lanciato in prima squadra ad un mese esatto dal suo acquisto. E non sarà un caso se lo stesso Mazzarri lo lascerà in panchina lunedì sera a San Siro contro il Milan".
Queste le parole di Antonello Perillo per il suo blog.

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©