Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Perinetti: "Lascio Siena con la massima serenità"


Perinetti: 'Lascio Siena con la massima serenità'
11/05/2012, 15:05

''Tutto si dovra' svolgere nella massima serenita', nella massima amicizia, armonia perche' sono legatissimo a Siena e quindi vorrei che questo cambiamento avvenisse nel modo piu' sereno e condiviso possibile. Dovro' ringraziare il Siena per il gesto di comprensione di lasciarmi libero con un anno di anticipo''. Cosi' si e' espresso Giorgio Perinetti, responsabile dell'area tecnica del Siena, in un'intervista alla trasmissione sportiva ''Ogni maledetta domenica'' in onda sull'emittente toscana Teleidea, confermando un annuncio ''a breve'' sul suo addio alla squadra senese perche', ha spiegato, ''il mio distacco dal Siena e' motivato dalla possibilita' di trovare professionalmente un incarico che mi consenta anche di avvicinarmi agli affetti familiari''. Sul suo arrivo a Palermo ''sappiamo che Zamparini - ha detto Perinetti - e' un personaggio che segue a tutto campo la sua societa' e quindi non tralascia nulla che possa essere degno di attenzione. Poi normalmente ognuno ha le sue incombenze e cercheremo di far rispettare i ruoli in tutti i casi. La proprieta' e' importante che sia vigile, attenta e coinvolta e questo da' sempre stimoli a tutti''. Nel corso dell'intervista, Perinetti ha ricostruito il suo ritorno a Siena: ''Mi e' stato chiaramente chiesto di collaborare per arrivare alla salvezza e mi pare che lo abbiamo fatto con un campionato veramente importante. Ci siamo riusciti con due giornate di anticipo facendo un buon calcio''. ''Abbiamo utilizzato - ha aggiunto il dirigente della squadra senese - due allenatori: uno, Conte, che poi si e' rivelato l'allenatore della Juventus dello scudetto, e Sannino, che e' un allenatore che si e' affermato finalmente anche nella massima serie e oggi e' appetito da tante societa'. Quindi credo che il lavoro che ci era stato richiesto lo abbiamo svolto nella maniera piu' produttiva possibile''.

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©