Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Perinetti:"Bari in emergenza cerchiamo riscatto"


Perinetti:'Bari in emergenza cerchiamo riscatto'
17/04/2010, 17:04

   Nel corso di “Amore… Azzurro”, programma sportivo in onda ogni sabato dalle 11.00 alle 12.30 su Radio Amore, è intervenuto il Direttore Sportivo del Bari, Giorgio Perinetti. Ecco alcuni passaggi dell’intervista:Le dichiarazioni di De Laurentiis su calciopoli? Tutte le opinioni devono essere rispettate, ma prima di parlare di una nuova calciopoli bisogna stare molto attenti. E’ una situazione che va ponderata, ma prima di parlare nuovamente male del calcio italiano bisogna avere degli elementi probanti. Certo, per chi investe tanti capitali e poi nota i sistemi anomali che si sono verificati in passato e teme che si possano ripetere, è legittimo avere una prospettiva meno entusiasmante prima di affrontare nuovi investimenti. Il Bari è la squadra rivelazione della stagione? Abbiamo molto rammarico per il brutto secondo tempo disputato a Siena. Purtroppo, i numerosi infortuni che abbiamo patito in questa stagione hanno condizionato il nostro cammino. Peccato, perché altrimenti si poteva rendere straordinaria un stagione già così più che positiva. I giocatori valorizzati dal Bari? Abbiamo rischiato con tanti giocatori che conoscevano poco la serie A. Tuttavia, queste scommesse sono state vinte. Vedere tanti giocatori, alcuni molto giovani, fare così bene indubbiamente ha rappresentato la novità dell’anno. Noi siamo costretti ad operare in questo modo, ma in futuro anche altri potrebbero ripetere la nostra esperienza. Nel calcio quando uno è bravo, la carta d’identità è relativamente importante. Alvarez? Speravamo che potesse garantire questo rendimento, perché è un giocatore che ha delle qualità importanti per il nostro tipo di gioco e, prima poi, doveva poterle esprimere. Non è un grande finalizzatore, ma probabilmente se lo fosse stato ora non giocherebbe con noi, ma bensì in una grande squadra. Il mio futuro? Il mio futuro è domani, ovvero Bari-Napoli. A fine anno farò delle valutazioni insieme alla società per vedere se ci sono i presupposti per aprire un altro ciclo fortunato come quello che stiamo vivendo. Se così non dovesse essere, farò altre cose. La fame d’Europa del Bari? Ogni volta che abbiamo nominato l’Europa, poi non siamo riusciti a fare il salto di qualità per vari motivi. Ora siamo in emergenza, perché abbiamo moltissime assenze ed il nostro organico non è ricco come quello del Napoli. Siamo in difficoltà, ma dopo la sconfitta di Siena vogliamo fare una bella figura davanti al nostro pubblico. Il Napoli sicuramente sarà agguerrito, ma noi cercheremo di rispondere nella maniera migliore. Che partita mi aspetto? All’andata abbiamo visto una bellissima partita, combattutissima fino all’ultimo minuto. Domani mi auguro di vedere un match altrettanto intenso, ma bello.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©