Sport / Calcio

Commenta Stampa

Legia Varsavia-Lazio

Petkovic: "Non è tutto così nero"


Petkovic: 'Non è tutto così nero'
28/11/2013, 10:42

ROMA - Il passaggio del turno ai sedicesimi di Europa League non è del tutto sicuro. Stasera contro il Legia la Lazio si gioca buona parte dellaqualificazione, e Vlado Petkovic lo sa. Le voci chelo vorrebbero sull apanchina della nazionale Svizzera non lo smuovono più di tanto. "Non voglio farmi pubblicità o attirare le voci di questa stampa - dice l'allenatore di Sarajevo -. Non mi interessano. Sono solo voci di corridoio, non c'è nulla di confermato. Ciò che è certo è che domani abbiamo una partita importante in cui vogliamo assicurarci il passaggio del turno''. Anche la stampa elvetica, però, lo ritiene ormai uno dei candidati più forti per sostituire Hitzfeld e potrebbe essere suo il nome che la federazione rossocrociata sceglierà domani e svelerà entro Natale. Indiscrezioni che assieme alle prestazioni altalenanti offerte dai biancocelesti condizionano la vigilia di coppa. ''Come la vivo? Molto bene, la prendo un po' con filosofia - spiega il bosniaco - sono voci, momenti di più o meno gloria, che fanno parte di un processo calcistico. Devo rimanere sereno, lo sono e cerco di trasmetterlo alla squadra per ritrovare la strada giusta e soprattutto i punti giusti per una stagione positiva''.
Dopo il pareggio in extremis di Genova, Petkovic fa retromarcia sulla contestata difesa a tre schierata contro i blucerchiati e torna al 4-3-3. "Chi lavora sbaglia - ammette - non è che non ho mai sbagliato, ma cerco di dare il mio meglio. Si parla tanto di moduli, ma non vedo cosa cambia. Altre mie responsabilità? Ne abbiamo discusso, fatto valutazioni su di me e sui giocatori. Cerchiamo di correggerci e tornare sulla strada giusta. In certi momenti bisogna confrontarsi e valutare la situazione, sappiamo che non abbiamo fatto una bellissima figura ma anche che la Samp ha tirato due volte in porta. Non è tutto così nero come è stato disegnato, ma dobbiamo e sappiamo di potere fare meglio''. E vincere contro i polacchi, ultimi a zero punti nel girone J, per garantirsi il passaggio del turno. ''Il Legia è un avversario molto tosto come abbiamo visto anche da noi - riconosce -. Di qualità, con tanta corsa e velocità e anche contro il Trabzonspor ha fatto un'ottima partita ma ha perso come accaduto anche a noi diverse volte. Vogliono chiudere in bellezza con tanti giocatori che si vogliono mettere in mostra contro una squadra italiana". 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©